Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 21 Novembre 2017 - Aggiornato alle 22:45 - Lettori online 488
PALERMO - 30/04/2017
Politica - Approvata la manovra con 37 voti favorevoli e 15 contrari dopo una lunga maratona

Ok alla finanziaria regionale, soldi per aeroporto Comiso

Per il "Pio La Torre" 5 milioni e mezzo per quest’anno, per la disabilità previsti 240 milioni Foto Corrierediragusa.it

Niente soldi per i consorzi universitari, fondi per la disabilità e per gli aeroporti di Comiso e Trapani. Sono questi alcuni dei tratti più distintivi della manovra finanziaria approvata dall’Ars con 37 voti a favore 15 contrari e 7 astenuti. In aula c’erano 59 parlamentari dopo una lunga maratona che si è conclusa nella notte. E’ l’ultima manovra finanziaria della giunta Crocetta (foto) che ha trasferito al Fondo pensioni 59 milioni all’anno per i prossimi anni, debito contratto nel 2009 per 15 anni. La norma ha permesso di liberare le risorse necessarie per garantire le coperture finanziarie, circa 200 milioni, di tutta la manovra. Per lo scalo comisano sono stati previsti cinque milioni e mezzo per quest’anno, 6 per il 2018 e 6.5 per il 2019.

Per la disabilità sono stati previsti 240 milioni. Di questi, 36 milioni sono destinati ai disabili gravissimi, 34 milioni sono assegnati ai comuni in favore dei disabili gravi, 20 milioni per il trasporto e le scuole. Ulteriori risorse, per 150 milioni, sono stati approvati nello stesso articolo, di cui 68 milioni sono fondi statali anticipati dalla Regione.Buone notizie anche per gli stipendi di Asu e Lsu per le mensilità di dicembre 2016. La norma stanzia le risorse fino al 2019 e consentirà a circa 6 mila Asu di entrare nel bacino degli Lsu ed essere inseriti nel percorso di stabilizzazione negli uffici di Regione ed enti. Gli inoccupati con un reddito familiare non superiore agli 11.000 euro saranno esentati dal pagamento dei ticket sanitari. Garanzie anche per i 115 ex lavoratori dell’Aras, l’associazione allevatori dichiarata fallita: i dipendenti, inseriti in un albo, potranno essere utilizzati dall’Istituto zootecnico con contratti a termine.

L´Ars ha approvato anche la norma sul Trasporto pubblico locale: le aziende ricevono oltre 200 milioni di euro dalla Regione ogni anno per le tratte.
Approvato anche l’articolo sui contributi a centinaia di enti e associazioni (articolo 3) dall’Irsap all’Istituto ciechi al Garante per l’infanzia. Crescono, infine, i fondi per lo sport che passano da 1,7 milioni a 4 milioni. Previsto anche un fondo da 1,1 milioni per finanziare iniziative culturali, artistiche e scientifiche di particolare rilevanza. Scende il budget per i corsi di formazione del cosiddetto obbligo formativo: da 16,1 milioni a 10,2. È andata male a (quasi) tutto il mondo che ruota intorno alle università. Brinda solo l’Università di Enna che passa dal nulla del 2016 al milione e mezzo stanziato per il 2017.