Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:42 - Lettori online 1125
PALERMO - 03/02/2014
Politica - Il primo parte favorito rispetto agli altri 2. Il segretario uscente in testa nei circoli iblei

Raciti, Lupo e la Monastra alle Primarie del Pd

Intanto l’area Civati ha protestato per le modalità del voto in un nota ufficiale Foto Corrierediragusa.it

Fausto Raciti (foto), Giuseppe Lupo ed Antonella Monastra saranno i tre esponenti Pd che parteciperanno alle Primarie di domenica 16. E´ questo il risultato che arriva dalle consultazioni per la designazione dei candidati presso i circoli del partito che hanno coinvolto circa 23mila iscritti. Fausto Raciti, giovane candidato di renziani e cuperliani ha superato di gran lunga con il suo abbondante 65 per cento l´uscente segretario regionale Giuseppe Lupo che si è fermato al 22 per cento. Buona terza Antonella Monastra, esponente dell´area Civati che si attesta sul cinque per cento. Giuseppe Lauricella, 3,5 per cento, e Antonio Ferrante, 2 per cento, non hanno superato invece la soglia di sbarramento. Si tratta comunque di risultati non ancora definitivi visto che le operazioni di spoglio devono essere concluse in alcuni circoli del catanese. Il risultato finale tuttavia non è in dubbio e potranno solo cambiare di qualche punto le percentuali.

Nei circoli della provincia Giuseppe Lupo supera di una ventina di voti, 645 contro 625, Fausto Raciti grazie ai voti ottenuti soprattutto a Ragusa e a Pozzallo dove Giuseppe Calabrese e Roberto Ammatuna si sono impegnati in prima persona. Buona la performance di Raciti a Vittoria dove ha avuto il sostegno di Fabio Nicosia. Modesta la partecipazione negli altri centri della provincia.

L´area Civati ha protestato per le modalità del voto in un nota ufficiale in cui si legge: : "I risultati parziali ci lasciano increduli e sottolineano la innaturale forma di espressione del consenso. L´affluenza passa dal 10 per cento al 90 per cento a seconda del circolo e quindi del riferimento politico. Crediamo sia indecoroso abbassare il livello di una competizione elettorale a mero scontro di forze. Facciamo richiesta alla commissione regionale per il congresso di una verifica a campione del voto".