Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 754
PALERMO - 31/01/2014
Politica - Inizia la girandola delle convenzioni Pd per eleggere il segretario regionale

Congresso Pd, resa dei conti per candidati

Una vicenda «kafkiana», molti renziani, compresi Davide Faraone e Vladimiro Crisafulli, voteranno per il cuperliano Raciti. L’uscente dovrebbe avere il sostegno di Papania, Cardinale e Genovese
Foto CorrierediRagusa.it

Sulla carta sono 5, ma i veri contendenti alla segreteria regionale del Pd si riducono a 2: Giuseppe Lupo (segretario uscente) e Fausto Raciti. Il primo appartiene all’area Renzi, il secondo è cuperliano. I pronostici vedono vincente Raciti, che sarà votato, udite udite, da moltissimi renziani, fra cui Davide Faraone, il luogotenente del segretario nazionale del Pd in Sicilia, e financo dal «rais» di Enna, Vladimiro Crisafulli, che ha definito Renzi «stalker personale». Sarà uno scenario kafkiano, ma è così! Perché così è la politica.

A far da contorno ai due contendenti, Antonella Monastra, consigliere comunale a Palermo, appartenente all’area Civati, Antonio Ferrante (renziano) e Giuseppe Lauricella (che si è definito il vero candidato di Cuperlo). Le loro candidature sono frutto del mancato accordo unitario dentro il partito regionale.

Obiettivo di tutti, fare fuori il segretario uscente Giuseppe Lupo, renziano, colpevole di non essersi messo da parte nonostante i molti tentativi di persuasione. Ha voluto lo scontro, si è candidato, ma dovrà fare i conti con questo gioco perverso e trasversale che vedrà, ad esempio, votare molti della sua area per il cuperliano Raciti, mentre per lui voteranno Antonio Papania, Giuseppe Cardinale e Francantonio Genovese.

Questo in sintesi lo scenario che si prefigura in vista delle primarie aperte del 16 febbraio, data in cui si dovrà eleggere il nuovo segretario del Partito democratico dell’isola. Ma prima di quella data, in ossequio agli «scienziati» del Pd che hanno redatto questo farraginoso regolamento congressuale, dobbiamo assistere alle convenzioni dei circoli di giorno 1 che dovranno eleggere i delegati alle convenzioni provinciali di giorno 2 febbraio. Poi pausa di 7 giorni ed eccoci alle convenzioni provinciali che dovranno eleggere i delegati alle convenzioni regionali (8 e 9 febbraio). Infine, primarie aperte del 16 febbraio per eleggere segretario e assemblea regionale. A fine febbraio, per regolamento, avremo la convocazione dell’Assemblea regionale e la proclamazione segretario eletto.

Nella foto sopra, i 5 candidati alla segreteria regionale