Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 19:05 - Lettori online 1207
PALERMO - 15/09/2012
Politica - Il sondaggio di Datamonitor per Blogsicilia

Regionali: si profila un testa a testa Musumeci - Crocetta

Altro dato interessante è che Musumeci raccoglie più consensi della coalizione, mentre Crocetta ha un bacino omogeneo attorno al suo nome

Sarà un testa a testa Crocetta – Mumumeci. Dice questo il terzo sondaggio di Datamonitor per Blogsicilia in riferimento alle Regionali del 28 ottobre. La rilevazione è riferita a giovedì 13. Nello Musumeci mantiene ancora il vantaggio sul candidato del centro sinistra ma il margine si è ridotto da tre a due punti percentuali. E’ probabilmente l’effetto del dispiegamento della campagna elettorale di Rosario Crocetta che è entrata nel vivo mentre Nello Musumeci ha appena mosso i primi passi.

Altro dato interessante è che Musumeci raccoglie più consensi della coalizione, mentre Crocetta ha un bacino omogeneo attorno al suo nome. Gianfranco Miccichè, Grande Sud, accusa ben 10 punti di distacco da Musumeci e non sembra in grado di impensierire nessuno dei due contendenti; stesso discorso per Claudio Fava, Sel - Verdi - IdV, che pur crescendo di 3 punti, dal 7 al 10 per cento, non è in grado di impensierire.

Staccati Cateno De Luca, Mariano Ferro e Davide Giacalone, ancorati all’uno per cento. In Sicilia non fa breccia neppure il Movimento 5 stelle che si attesta nel sondaggio di Datamonitor all’8 per cento e ben lontano dal dato accreditato a livello nazionale. Tutti hanno comunque buone speranze perché c’è poco più del 42 per cento degli elettori che non ha ancora deciso se e chi votare. Il prossimo sondaggio sarà comunque più completo perchè si faranno sentire gli effetti della composizione delle liste che avranno ripercussioni dirette sui candidati e soprattutto l’incisività della campagna elettorale dei vari candidati anche se la tendenza è ormai un duello tra Musumeci e Crocetta.