Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 22 Febbraio 2018 - Aggiornato alle 0:42
PALERMO - 06/09/2012
Politica - Le intenzioni di voto per l’elezione del nuovo Presidente

Musumeci guida la classifica dei sondaggi per presidenza della Regione

Tra le liste per il rinnovo dell’Ars, le intenzioni di voto registrate dal sondaggio danno sempre il Pdl come primo partito con il 22% (+2%) seguito da Pd al 18% e Partito dei Siciliani e Udc al 12% Foto Corrierediragusa.it

Sorprese di spessore arrivano dalla rilevazione di Datamonitor, in esclusiva per BlogSicilia.it, sulle intenzioni di voto per l’elezione del nuovo Presidente della Regione siciliana e per l’elezione dei deputati che comporranno l’Assemblea Regionale. Il periodo di realizzazione del sondaggio è tra il 3 ed il 4 settembre.

Tra i candidati alla presidenza della Regione rilevati, in testa alla preferenza dei siciliani si conferma Nello Musumeci, in lizza per Pdl, Cantiere Popolare e La Destra con il 31%, in crescita del 3% rispetto alla scorsa settimana. Segue Rosario Crocetta, candidato di Pd ed Udc, con il 27%, mentre al terzo posto si attesta Gianfranco Miccichè, in quota Grande Sud, Fli e Partito dei Siciliani con il 20%, in flessione del 2% rispetto alla scorsa settimana.

Quarta posizione per Claudio Fava, candidato di Sel ed Idv, che cresce del 3%, passando dal 7 al 10%, mentre Giancarlo Cancellieri del Movimento Cinque Stelle passa dall’11 all’8%.
Restano il 46% i cittadini che si dichiarano indecisi su chi votare.

Tra le liste per il rinnovo dell’Ars, le intenzioni di voto registrate dal sondaggio di Datamonitor danno sempre il Pdl come primo partito con il 22% (+2%) seguito da Pd al 18% e Partito dei Siciliani e Udc al 12%. Secondo questi dati, che comunque risentono della mancata presentazione delle liste e quindi del valore aggiunto dei candidati, non supererebbero lo sbarramento del 5% , e quindi non avrebbero diritto ad eleggere alcun deputato in Assemblea, La Destra, Il Pid, Fli, Sel ed Idv. Anche in questo casa alta la percentuale degli indecisi che si attesta oltre il 46%.