Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 951
PALERMO - 30/07/2012
Politica - Fine di un’era, a meno di clamorosi colpi di scena

Ultime ore di Lombardo da governatore della Sicilia, oggi le dimissioni

"Formalizzerò tutto con una nota che scriverò a chi di competenza" Foto Corrierediragusa.it

Sono le ultime ore per Raffaele Lombardo (foto) alla guida della Sicilia. Oggi il presidente, a meno di clamorosi colpi di scena, rassegnerà le dimissioni. Lombardo non vuole un dibattito in aula e vuole uscire in silenzio ma intanto per lui è il momento di tirare le somme, cosa che ha fatto nel corso di una conferenza stampa tenuta a Catania.

"Non ho rimpianti. In questi anni ho trascurato interessi, rapporti familiari per la Sicilia e per i siciliani. Su questo non ci sono dubbi. Non ho seguito nè interessi di partito, non ho una lira in tasca che sia di provenienza poco lecita – ha aggiunto – e ho combattuto tutti gli interessi che hanno nociuto alla Sicilia e soprattutto quelli mafiosi. È un cammino che si è iniziato e mi auguro che i frutti li raccolgano altri».

Sulle modalità delle dimissioni non c’è certezza: «Non abbiamo fissato l’ora precisa e neppure il conto alla rovescia. Sarà una nota che scriverò a chi di competenza. Mi chiedono di passare dall’Assemblea regionale Siciliana – ha osservato il governatore – ma se l’Ars si dedicasse a questa benedetta spending review, senza perder tempo con dimissioni e quant’altro, sarebbe meglio. Non mi va di aprire di dibattiti che fanno perdere sette-otto ore di tempo. Credo non servano ai siciliani…».

«Il mio umore? È meraviglioso, lo devo dire», replica Lombardo ai giornalisti che gli chiedono del suo stato d’animo a pochi giorni dalle dimissioni. «Non vi dico che le aspetto con ansia – aggiunge il governatore – perché è una scelta importante, ma è una scelta giusta che ho meditato di prendere mesi fa. Ma credo di avere fatto l’impossibile per la Sicilia e continuerò a farlo da cittadino».

«Si è parlato di default della Regione Siciliana, ma non si capisce chi ha sollevato il problema. Anche la Corte dei conti ha negato il commissariamento e ha parlato invece del lavoro strepitoso che si è fatto in questi anni. Sono riconoscimenti straordinari – ha ribadito Lombardo – per un lavoro che nessuno avrebbe fatto, come lo abbiamo fatto noi che abbiamo avviato una rivoluzione per salvare la Sicilia. Certo gli ostacoli sono ancora moltissimi, ma guai se si dovesse tornare indietro ai decenni di mala amministrazione».

«La spending review va approvata dall’Assemblea regionale Siciliana, anche nei prossimi giorni e anche modificata in aula, purchè gli emendamenti rientrino nella logica del risparmio».

Il presidente ribadisce che «non sono previsti licenziamenti, ma sono fissati dei tetti all’organico». «Se la legge prevede che in un Comune la pianta organica deve essere di cento persone, ma l’Ente ha 300 dipendenti – spiega Lombardo – non vuol dire che 200 saranno licenziati, ma che si cercherà di favorire la loro uscita con pensionamenti o incentivazioni. Le assunzioni si torneranno a fare quando l’organico scende sotto i 100 dipendenti».