Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 736
PALERMO - 07/06/2012
Politica - Otto deputati regionali hanno presentato il progetto nella Sala gialla a palazzo dei Normanni

Fine del Pdl in Sicilia, Leontini vuole aggregare i moderati

Per il parlamentare ispicese nel Popolo delle Libertà c’è "poco Popolo e la libertà è finita" Foto Corrierediragusa.it

Al di là del Pdl e del Pid. Nasce una nuova aggregazione in Sicilia con l’obiettivo di mettere insieme i moderati. I promotori sono otto deputati regionali, : 4 del Pdl, Innocenzo Leontini (nella foto con Angelino Alfano), Nino Beninati, Edoardo Leanza e Fabio Mancuso; 4 del Pid, Rudy Maira, Toto´ Cordaro, Marianna Caronia, Toto´ Cascio. Innocenzo Leontini e Rudy Maria, capogruppi di Pdl e Pid all’Ars vogliono lavorare attorno al progetto in vista delle prossime regionali e sono aperti a quanti hanno fatto opposzione in questi anni a Raffaele Lombardo.

Un parterre d´accellenza, alla manifestazione origasnizzato presso la sala gialla a palazzo dei Normanni: : Roberto Di Mauro (Mpa), il sindaco di Catania Raffaele Stancanelli (Pdl), il parlamentare del Pid Pippo Gianni, l´eurodeputato del Pid Antonello Antinoro. Non trapela alcun nome sul neo sogetto politico, ma di certo, afferma Maira, "il candidato alla presidenza della Regione dovra´ essere scelto da tutti quelli che appartengono al progetto".

Non manca la bordata al Partito Democratico. ´´E´ inutile che il Pd ora prende la distanze da un governo regionale che se e´ esistito fino a oggi, lo deve proprio al Partito Democratico, o meglio a una parte del Pd. Una scelta fallimentare come le riforme che sostiene di aver realizzato in questi anni".

Incalza Innocenzo Leontini suonando il requiem per il Popolo ddelle Libertà: «Il popolo lo stiamo smarrendo. E la libertà è finita». Innocenzo Leontini suona il requiem del Popolo delle libertà. Si riparte dunque con una nuova idea, che sa già di antico, di giochi di alleanze in nome del rinnovamento ma tra i presenti nella sala gialla non si è visto nessun volto nuovo.