Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 19 Giugno 2018 - Aggiornato alle 19:08
PALERMO - 14/05/2012
Politica - Il Presidente conferma le elezioni in autunno e la fine dell’esperienza del Terzo Polo

Lombardo: "Deluso da Mpa, è un partito del potere"

"C’è bisogno di ritornare alle origini per quanto riguarda l’autonomia e ripensare qualcosa di diverso» e cita il caso Ragusa

Raffaele Lombardo conferma: «Si voterà in autunno» e liquida il Terzo Polo: «Non ci ho mai creduto». Il leader autonomista non è soddisfatto neppure di Mpa: «Sono deluso dall’evoluzione dell’Mpa, il mio movimento non si è giovato della presidenza della Regione. Inizialmente non era così, le masse si muovevano, da Messina a Roma, poi si è trasformato nel partito del potere, la gente piuttosto che venire da me per portare avanti un progetto, restava o veniva per patteggiare o chiedere il posticino di sottogoverno, l’assessorato comunale. C’è bisogno di ritornare alle origini per quanto riguarda l’autonomia e ripensare qualcosa di diverso».

Lombardo non dice cosa ed è convinto che l’identificazione dei partiti con il singolo è deleteria per la politica italiana. Secondo il leader del Mpa «bisogna ripristinare le regole della democrazia, ma questo succederà solo quando la democrazia tornerà a valere per la scelta dei parlamentari, con il ripristino della preferenza tornerà il ripristino della democrazia e di partiti pluralisti e democratici che oggi non ci sono. Oggi nel sistema politico vige l’oligarchia e così è nella guida dei partiti». Poi ha concluso: «Oggi mi ritrovo così, mi chiedono anche di intervenire per evitare la scelta sbagliata di un assessore in provincia di Ragusa».

Un Lombardo a tutto campo che non salva neppure Mpa avviato, almeno stando al suo leader, alla liquidazione. Anche se il presidente della Regione ha abituato tutti a capovolgimenti di fronte e di posizione ma le sue parole sono molto indicative del clima che si respira ormai nei partiti.