Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:27 - Lettori online 781
PALERMO - 29/09/2010
Politica - Palermo: la quarta giunta è stato un parto travagliato

Lombardo ottiene il "Sì" dell’aula per il nuovo governo

Andrea Piraino va al Welfare , prima destinato a Caterina Chinnici, che invece ha avuto le autonomie locali e la funzione pubblica

Raffaele Lombardo ottiene il sì dell’aula e mette in moto il suo governo. E’ la quarta giunta targata Lombardo ed è stato un parto travagliato fino all’ultimo visto che il presidente della Regione ha dovuto rimescolare alcune deleghe. Andrea Piraino va al Welfare , prima destinato a Caterina Chinnici, che invece ha avuto le autonomie locali e la funzione pubblica. Confermati tutti gli altri assessori e le loro deleghe; il vice di Lombardo sarà l’assessore alla sanità Massimo Russo, che si è guadagnato sul campo la fiducia del presidente. L’opposizione formata da Pdl e pezzi dell’Udc , sotto la bandiera del Pid, ha presentato un ordine del giorno per bocciare la giunta tecnica ma il documento è stato respinto con 42 voti contrari e 26 favorevoli.

L’apertura di seduta all’Ars è cominciata con la dichiarazione di voto di Carmelo Incardona. Il parlamentare vittoriese ha annunciato il suo no a Lombardo facendo perdere pezzi ai finiani che passano da 5 a 4. Incardona confluirà verosimilmente nel Pdl anche se ancora non ha dato alcun segnale ufficiale. Anche tre del Pd sono usciti al momento del voto ed hanno preferito astenersi a conferma del travaglio che l’operazione lombardiana di legare partiti di estrazione diversa, e spesso su posizioni storicamente antitetiche come An e Pd, ha provocato.

«Faremo ordine nei nostri conti – ha detto il presidente a conclusione del dibattito. La nostra azione riformatrice va avanti, il governo è composto da 12 tecnici che risponderanno a tutta l’Ars e a tutti i siciliani. Mi rammarico che questo governo riformista non venga sostenuto da tutti i partiti.