Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 17:16 - Lettori online 1048
MODICA - 27/07/2010
Politica - Modica: la maggioranza ha sottoscritto un documento politico sullo strumento finanziario

Modica: per l´Udc l´accordo Pd-Mpa è "Una tregua armata"

Bisognerà attendere almeno metà agosto per l’approvazione da parte del consiglio comunale

L’accordo sul bilancio trovato da Pd ed Mpa non convince l’opposizione. Paolo Nigro (UDC) definisce uno stato di «tregua armata» quella trovata dai due maggiori alleati a palazzo S. Domenico.

Dice il capogruppo Udc "Il bilancio 2010 non è strutturale, non incide nei nodi vitali, e rimanda tutto al 2011. E’ una cambiale che Riccardo Minardo ha preteso da Antonello Buscema. Non mi convince inoltre il documento politico- programmatico che accompagna il bilancio 2010. Evidentemente Mpa non si fida del suo alleato e mi chiedo come farà il capogruppo Mpa ad approvare un bilancio che non sarà strutturale dopo avere detto a più riprese ed in varie sedi che non avrebbe mai approvato un bilancio non strutturale. Mi pare che tutto venga rinviato al 2011 dopo i tentativi di conciliazione di Riccardo Minardo».

L’amministrazione è da parte sua in grave ritardo con il documento finanziario dopo avere annunciato più volte nel corso dell’anno di essere pronta ad approvare il bilancio. Se tutto andrà bene dopo l’accordo politico trovato a palazzo S. Domenico il consiglio comunale potrà approvare il bilancio non prima della pausa ferragostana.

L’accordo Pd Mpa prevede il contenimento entro il 38 per cento della spesa riservata al personale per rimanere entro i limiti previsti dalla Finanziaria; inoltre è prevista la chiusura della Multiservizi e la vendita entro l’anno di una serie di immobili comunali non strategici per fare cassa.

Si tratta di misure annunciate a più riprese nel corso dell’anno che rischiano di restare enunciazioni di principio vista la lentezza con cui tutte ,le questioni sono state affrontate anche perché si tratta di misure impopolari che intaccano equilibri delicati dentro e fuori palazzo S. Domenico.