Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:21 - Lettori online 859
MODICA - 08/05/2010
Politica - Il dibattito sul Parco degli Iblei non convince Paolo Nigro e Gino Veneziano

Per l´Udc modicano Pinuccio Lavima è segretario di parte

I due esponenti chiamano in causa la gestione del partito da parte del segretario provinciale

L’Udc di Modica non gradisce la gestione di Pinuccio Lavima. Paolo Nigro, capogruppo a palazzo S. Domenico, ed il segretario cittadino, Gino Veneziano, definiscono Lavima come «segretario improvvisatore, espressione di parte, o peggio fazioso».

Ai due esponenti cittadini dell’Udc non è andato a genio il modo con cui Pinuccio Lavima ha gestito la questione Parco degli Iblei visto che il segretario provinciale ha preferito ignorare Modica e si è circondato solo dei suoi amici. Il riferimento sottinteso è ad Orazio Ragusa ed a quanti sono più vicini al parlamentare all’Ars.

«Siamo stupiti e perplessi, oggi anche sdegnati – dice Paolo Nigro- perché apprendiamo solo dalla stampa delle prese di posizione del partito. Pinuccio Lavima ha infatti ignorato sia il segretario del partito che il capogruppo consiliare dell’UDC di Modica, cui andrebbero riconosciuti ruoli e funzioni in merito ad un tema di così rilevante valenza politica e socio-economica anche per il territorio modicano. Abbiamo motivo di ritenere che analogo comportamento escludente, Lavima abbia tenuto nei confronti di altri rappresentanti dell’UDC dei vari territori; ma se, di contro, il segretario provinciale avesse riservato questa scelta, il giudizio sarebbe molto più negativo e critico, tale da sentire il bisogno di farlo pesare avanti agli organismi competenti del partito»

L’affondo di Paolo Nigro e Gino Veneziano non lascia scampo ad equivoci « Il partito ha bisogno di una guida autorevole, dinamica, al passo con i tempi», lasciando intuire di voler fare chiarezza una volta per tutte sulla gestione del segretario provinciale del partito.