Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 9:49 - Lettori online 1034
MODICA - 19/09/2009
Politica - Modica: il "rimpastino" d’autunno nella giunta di palazzo San Domenico

Frasca Caccia e Di Rosa i nuovi uomini di Antonello

In consiglio subentra Innocenzo Roccasalva al neo assessore Nino Frasca Caccia
Foto CorrierediRagusa.it

Come da previsioni, è saltato colui che, fino all’ultimo, aveva lasciato intendere di non voler mollare: Carmelo Abate, assessore all’agricoltura.
La sua delega viene rilevata dall’avvocato Nino Frasca Caccia (da sx nella foto con l´altro nuovo assessore Michele Di Rosa), appartenente alla corrente dell’avvocato Antonio Borrometi, che ne ha caldeggiato l’ingresso in giunta. Frasca Caccia, modicano, 52 anni, lascia gli scranni del consiglio comunale, dove sedeva come capogruppo del Pd.

A Frasca Caccia sono state assegnate le deleghe allo sviluppo economico (industria, commercio, artigianato, e, per l’appunto, agricoltura), e contenzioso. Nella civica assise gli subentra il primo dei non eletti Innocenzo Roccasalva, già assessore della giunta Ruta e consigliere comunale che recede di un voto Carmelo Falco.

Per quanto riguarda l’area Mpa, anche in questo le previsioni si sono avverate: è stato Emanuele Muriana, assessore al bilancio, a cedere il testimone a Michele Di Rosa. Quest’ultimo, professione ragioniere e funzionario pubblico, è alla sua prima esperienza politica. Si definisce egli stesso un tecnico.

Tuttavia Di Rosa non ha rilevato la delega del suo predecessore. Gli sono state affidate quelle ai servizi sociali (prima detenuta da Enzo Scarso), al personale (prima appannaggio di Giuseppe Sammito) e anagrafe. In questo modo il settore dei servizi sociali resta appannaggio di Riccardo Minardo, cui fa riferimento una delle cooperative più numerose, quella de «Il gruppo.

LA REDISTRIBUZIONE DELLE DELEGHE ASSESSORIALI
Il sindaco Antonello Buscema, che si dice soddisfatto di questo nuovo assetto di giunta, progettato di comune accordo con il suo «alter ego» Minardo, ha altresì proceduto ad una parziale redistribuzione delle deleghe per la maggior parte dei riconfermati assessori. Spogliato dei servizi sociali, Enzo Scarso resta vice sindaco e assessore con le deleghe allo sport, turismo e spettacolo, e con funzioni di coordinamento degli interventi a Marina di Modica e Maganuco. Giuseppe Sammito si occupa di bilancio e finanze e società partecipate. Ad Antonio Calabrese restano affidate pubblica istruzione, viabilità, polizia municipale e trasporto pubblico. Giorgio Cerruto continua a detenere le deleghe alle manutenzioni , aree cimiteriali, autoparco, e, soprattutto, lavori pubblici. Quest’ultima delega faceva gola a Elio Scifo, che avrebbe preferito l’accorpamento con quella da egli detenuta, vale a dire urbanistica. Scifo resta altresì assessore al centro storico, protezione civile, gestione patrimonio immobiliare e fonti energetiche.