Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 2 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 541
MODICA - 01/11/2007
Politica - Modica - Post azzeramento giunta: la situazione resta fluida

An chiede spazio al sindaco:
"Il posto in giunta ci vuole"

Lunedì il segretario provinciale Incardona vedrà Torchi Foto Corrierediragusa.it

An chiede spazio a Piero Torchi. « Abbiamo una presenza politica significativa in città con due consiglieri provinciali ? dice Sebastiano Failla (nella foto) ? Crediamo che nell’ottica del rimpasto della giunta Torchi ci debba essere un posto per An. Noi abbiamo fatto un passo indietro al momento della costituzione della giunta Torchi ma oggi quell’accordo è superato da quanto è successo tra Forza Italia ed Mpa; il quadro politico è cambiato per cui serve un nuovo accordo ed una nuova giunta. An vuole dire che c’è e che ha tutti i titoli per far parte della nuova giunta perché può fare da punto di equilibrio».

La questione An è stata posta sul tavolo delle trattative dalla delegazione guidata da Sebastiano Failla e Marco Nanì e sarà ribadita dal segretario provinciale Carmelo Incardona che rientrerà in sede solo lunedì. Incardona incontrerà subito Torchi ed intende mettere il suo sigillo all’eventuale accordo che si raggiungerà. Torchi ha intanto dato appuntamento a tutti per domani quando segretari, parlamentari, sindaco si ritroveranno per discutere dei nuovi equilibri.

In questi giorni non si sono registrati significativi passi in avanti nell’evoluzione della vicenda politica a palazzo S. Domenico; voci non ufficiali parlano di Mpa pronto ad uscire fuori dall’accordo di maggioranza se Enzo Scarso, Nino Gerratana e Federico Mavilla non saranno confermati al loro posto. Questa è la linea di Riccardo Minardo che vuole giocare il tutto per tutto sul fronte modicano per riaffermare il proprio ruolo in città, anche nell’ottica della sfida tutta familiare con il nipote Nino, mentre il leader di Mpa Raffaele Lombardo non vuole uscire dalla maggioranza per non turbare equilibri politici che vanno al di là di palazzo S. Domenico.

Se Mpa uscisse dalla maggioranza Torchi potrebbe ritrovarsi con 17 consiglieri su trenta con una coalizione basata solo su Forza Italia e Udc.