Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:37 - Lettori online 952
MODICA - 27/05/2009
Politica - Modica: Per Nigro e D’Urso "Bisogna recuperare prestigio e credibilità"

Udc e Pdl: "Più dignità al consiglio comunale di Modica"

Dopo la bagarre prevale il ritrovato senso della misura

«Recuperare prestigio e credibilità del consiglio comunale». Paolo Nigro, capogruppo Udc, ritorna con mente serena sull’episodio che ha visto contrapposti nel corso di una seduta aperta Peppe Drago, alcuni esponenti del sindacato e del gruppo di opposizione e Nino Cerruto, consigliere di «Una Nuova prospettiva».

La bagarre provocata dalle parole pronunziate da Cerruto, riferite alle recenti vicende giudiziarie del parlamentare Udc, in risposta all’intervento di Drago non è piaciuta alla città né tantomeno ai consiglieri; Michele D’Urso, Pdl, si dice dispiaciuto e preferisce soffermarsi sull’analisi dei problemi affrontati mentre Paolo Nigro ci tiene a precisare che è stato tra i primissimi a darsi da fare per riportare l’acceso confronto tra Drago e Cerruto nel giusto alveo senza che si arrivasse al peggio.

«E’ stata una bagarre molto spontanea tra quasi tutti i presenti, nella quale sono stati coinvolti emotivamente anche esponenti istituzionali – dice il capogruppo Udc – L’intervento di Cerruto è stato un attacco gratuito personale che non aveva nessun nesso con la discussione in atto contro Peppe Drago, reo di avere ottenuto un consenso per il suo intervento a difesa del lavoro , tanto appassionato quanto rispettoso delle posizioni altrui. Non c’era motivo dunque di provocare lo sdegno del consigliere Cerruto tanto da indurlo alla invettiva personale, piena di livore, di riferimenti incoerenti al tema in discussione.

Ha ottime ragioni il gruppo consiliare del Pd per manifestare la propria comprensione per la situazione di sofferenza e di angoscia dei lavoratori costretti all’angolo dalla incertezza del loro futuro, ma non certamente per solidarizzare con chi, con il suo intervento, «ha buttato benzina sul fuoco». Paolo Nigro definisce la vicenda «penosa« e dà atto al presidente del consiglio , Paolo Garofalo, di avere tenuto una posizione equilibrata. Il ritrovato senso della misura e della saggezza sarà messo alla prova del prossimo consiglio comunale.