Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 15 Ottobre 2018 - Aggiornato alle 20:10
MODICA - 12/06/2018
Politica - La nuova composizione del massimo consesso cittadino

I 24 eletti al consiglio comunale di Modica: escluso Roberto Garaffa

Sempre più "rosa" con 5 donne Foto Corrierediragusa.it

Ecco la composizione del nuovo consiglio comunale di Modica dopo la ripartizione dei seggi alle liste candidate alle Amministrative 2018. Un consiglio comunale sempre più "rosa" con 2 donne in più rispetto alle 3 degli scorsi 5 anni e che portano quindi a 5 il numero complessivo. Due seggi sono andati a Forza Italia, un seggio alla lista civica Modica 2038, otto seggi a Modica 2018, un seggio al Movimento 5 Stelle, un seggio alla lista civica Insieme per, quattro alla lista Modica Est, tre seggi al Pd e quattro alla lista Fare Modica.

Questi i nomi dei 24 consiglieri comunali che faranno parte del massimo consesso cittadino:
Mommo Carpentieri e Tato Cavallino per Forza Italia. Filippo Agosta per Modica 2038. Maria Monisteri, Giorgio Linguanti, Salvatore Lorefice, Carmela Minioto , Saro Viola, Rita Floridia, Giorgio Civello e Massimo Caruso per Modica 2018. Marcello Medica per il Movimento 5 Stelle. Carmelo Ventura per Insieme per Modica. Giovanni Alecci, Daniele Scapellato, Gianmarco Covato e Margherita Sammito per Modica Est. Salvatore Poidomani, Ivana Castello e Giovanni Spadaro per il Pd. Lorenzo Giannone, Alessio Ruffino, Giorgio Belluardo e Angelo Spadaro per Fare Modica 2018.

Nessun seggio per la lista Cento Passi per Modica, per la lista Giorgia Meloni Fratelli d’Italia e per la lista Lega Salvini Modica.

Grandi esclusi il già presidente del consiglio Roberto Garaffa, Antonio Ruta e l’avvocato Fabio Borrometi che si era presentato con Forza Italia.

LA VITTORIA DEL SINDACO ABBATE
Sono stati 18.583 modicani a riconfermare Ignazio Abbate alla carica di sindaco. I dati definitivi, 51 sezioni su 51, dicono che Abbate ha avuto il 64,76%dei voti. Salvatore Poidomani il 21,76 (6243 voti). Residuali gli altri due candidati, Carlo Cartier, 7,35% con 2.109 voti e Gabriele Amore, centrodestra con appena il 6,13 e 1759 voti.

ABBATE HA FATTO IL PIENO ANCHE IN CONSIGLIO COMUNALE
Ignazio Abbate farà il pieno con le sue liste anche in consiglio comunale, dove avrà il doppio premio di maggioranza e potrà contare su 16 consiglieri su 24. Alle opposizioni andranno 7 seggi oltre a quello riservato a Salvatore Poidomani, esordiente in consiglio, quale miglior perdente tra i candidati a sindaco.

LE LISTE A SUPPORTO DI ABBATE HANNO SFONDATO
Le liste a supporto di Abbate hanno sfondato e gli uscenti sono stati premiati. In Modica 2018, la lista più votata con il 26,40%, il «botto» l’ha fatto una autentica esordiente come Maria Monisteri, 877 voti, presidente della Scherma Modica ed evidentemente ben supportata dalla società che fanno di Monisteri la seconda più votata in assoluto, seguita da Giorgio Linguanti 758, Saro Viola a 669, Pietro Lorefice 678 e Carmela Minioto, 600. Nella stessa lista eletti anche Giorgio Civello, 523, e Massimo Caruso, 468. Visto che Linguanti e Lorefice sono stati designati assessori entreranno in consiglio i primi due dei non eletti, Antonino di Rosa, 426, e Piero Covato, 394. Anche «Fare Modica» trascina il sindaco con Giorgio Giannone, 470, l’uscente Alessio Ruffino, 364 voti e l’ex assessore Giorgio Belluardo a quota 339 ed Angelo Spadaro, 324. Buone chance per Andrea Rizza, 293 preferenze, che subentrerà al designato assessore Belluardo. In Modica Est 4 consiglieri eletti, primo è Giovanni Alecci con 521 preferenze, Daniele Scapellato con 444, Gianmarco Covato, 377, e Margherita Sammito, 307. Per la lista Noi Insieme per Modica scatta, seppur di poco, un seggio che va a Carmelo Ventura, 192 voti.

Nel Centro sinistra la lista del Pd, 7,92%, è la più votata e precede Modica 2038 espressione diretta di Salvatore Poidomani. Nel Pd i più votati sono gli uscenti Ivana Castello, 913 preferenze, la più votata in assoluto, Giovanni Spadaro, 264 che precede di poco Andrea Caruso, 247. In Modica 2038 primo è Filippo Agosta, 204 voti e secondo Enrico Morana 200; nessun eletto nella lista Cento Passi, nonostante i 280 voti di Antonio Ruta. Non avranno il seggio neppure La Lega di Salvini (1,56) e Fratelli d’Italia (2,01). In Forza Italia fanno bene Mommo Carpentieri, 577 voti, e Tato Cavallino, 452; Fabio Borrometi è terzo con 410 voti. Il M5S ha ottenuto il 6,65 dei voti e porterà un solo consigliere nell’aula di Palazzo s. Domenico. Primo degli eletti tra i pentastellati è Marcello Medica, 259, seguito da Paola Brullo, 225.

Nel nuovo consiglio aumentano le donne, 5 rispetto alle 3 uscenti. Sono Ivana Castello, Carmela Minioto e Rita Floridia (già uscenti), Maria Moninsteri e Margherita Sammito.