Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 18 Agosto 2018 - Aggiornato alle 15:35
MODICA - 14/05/2018
Politica - La convention di apertura della campagna elettorale del primo cittadino uscente

Tripudio per il sindaco Abbate sostenuto dal prof. Barone

Il messaggio finale è stato chiaro: «Modica può ancora crescere e dare di più, se voi crederete in me» Foto Corrierediragusa.it

"Una città in ginocchio che si è rialzata": la vede così il professore Uccio Barone, intervenuto alla convention di apertura della campagna elettorale del sindaco uscente di Modica Ignazio Abbate per la riconferma alla carica di primo cittadino in occasione delle amministrative del prossimo 10 giugno. Davanti ad una sala gremita e alla presenza di tutti i 96 candidati a consiglieri nelle liste che sostengono il sindaco uscente, Barone ha ripercorso il cammino degli ultimi cinque anni di amministrazione, rivendicando per Abbate il merito di avere pensato positivo e soprattutto di avere messo mano e portato a compimento le tante incompiute ereditate. «Era una città dove non si facevano manutenzioni, dove non spendere anche per opere e progetti dovuti era un problema, Abbate ha rimesso in moto il circuito a cominciare dalla macchina comunale che ha motivato».

Un «endorsement» vero e proprio di Barone per Abbate, al quale ha tuttavia ricordato che resta ancora molto da fare. Lo stesso Barone, insieme ad un gruppo di «saggi», ha contribuito con idee e progetti a definire il programma dei prossimi cinque anni perché Ignazio Abbate ha ancora tanta strada da fare. Lo stesso sindaco lo ha detto nel suo lungo intervento che ha suddiviso in due parti, dal passato prossimo al futuro. Alla nuova città che vede più prosperosa, più solidale, più ricca di cultura ed iniziative, perché Modica ha il suo futuro nell’economia e nella cultura. Sono queste le linee di sviluppo sulle quali si lavorerà, non trascurando tutti gli altri comparti.

Abbate non ha mancato di lanciare "stilettate" ai vari candidati a sindaco, ai quali ha chiesto proposte concrete per il bene comune, al posto dei soliti attacchi personali. Il sindaco uscente ha anche difeso la sua battaglia sul Pronto Soccorso, suscitando l’applauso dei presenti quando ha citato il ruolo svolto da Piero Bonomo nella sua veste di direttore sanitario dell´ospedale Maggiore, prima di essere sollevato temporaneamente dall´incarico su decisione dei vertici Asp. Abbate ha rimandato tutti all’elegante opuscolo pubblicato per verificare quanto è stato fatto nel corso della sua amministrazione. Poi ha chiamato a sé gli assessori e tutti i candidati che lo sosterranno in una campagna elettorale. Il messaggio finale è stato chiaro: «Modica può ancora crescere e dare di più, se voi crederete in me».

Nella foto il grande pubblico presente alla convention del sindaco Ignazio Abbate