Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 21 Novembre 2017 - Aggiornato alle 22:45 - Lettori online 659
MODICA - 29/08/2017
Politica - Il governatore della Sicilia punta al bis

"Micari chi"? Crocetta si ricandida sfidando il Pd

Non nega di essere già in campagna elettorale Foto Corrierediragusa.it

«Micari chi»? Rosario Crocetta esordisce così alla domanda sulla candidatura del rettore dell’Università di Palermo alle prossime elezioni regionali. Il Presidente della Regione ha lasciato Palermo per qualche giorno ed è nel Sud-est per incontrare sindaci ed amministratori. La campagna elettorale, è chiaro, si è appena aperta e Crocetta ha le idee chiare sul suo futuro. Rilassato, elegante e in gran forma Crocetta si concede una granita a Modica (foto) con il sindaco Ignazio Abbate che ha incontrato a Palazzo S. Domenico e trova il modo di commentare senza farsi tanto pregare. «Non accetto imposizioni dall’alto. Decideranno i siciliani il candidato del centro sinistra. Io mi candido, e se ci sono altri candidati lo statuto del Pd parla chiaro: bisogna fare le primarie. Di Micari dico che i quadri dirigenti non si selezionano in politica per pubblico concorso. Servono consenso, valori, la conoscenza delle situazione reali come la realtà degli indigenti, dei pensionati, dei senza lavoro. Dico anche che un gruppo di potere palermitano ben identificato e un’area romana del partito non può imporre un candidato ai siciliani. Io ho rispetto per Micari ed anche per Musumeci ma sono abituato a lottare e mi batterò per vincere. Sono combattente per natura, morirò sul campo di battaglia con dignità ma mi batterò fino all’ultimo. Questa è la mia storia».

Il messaggio al Pd ed ai suoi avversari interni è quindi lanciato, bisognerà fare i conti con Rosario Crocetta per designare il candidato del centro sinistra. Nel frattempo il presidente si organizza perché la venuta a Modica non è casuale. E’ stata ufficialmente richiesta da Ignazio Abbate per parlare di rimodulazione del Piano paesaggistico, di zootecnia, dei problemi delle aziende agricole come per esempio il caso delle carcasse da incenerire. Piccoli, grandi problemi, che Crocetta ascolta e per i quali ha una proposta. Apertura e collegamento con il territorio sono il suo credo e con il sindaco Abbate il feeling c’è e si vede e potrebbe preludere ad un accordo elettorale visto che il sindaco di Modica porterebbe in dote una bel pacchetto di voti.

Crocetta non nega di essere già in campagna elettorale, di girare la Sicilia per recuperare terreno ed una immagine un po’ sbiadita dopo il fallimento della riforma delle Province («Mi sono battuto –dice- L’Ars ha detto no) e i problemi del bilancio regionale. Tra un selfie ed tante strette di mano Crocetta prova a misurare il suo indice di gradimento e si sente in piena corsa. «Io ci sono» –dice dopo avere consumato la granita ed una Coca Cola rigorosamente light per mantenersi in linea. «Ne vedremo delle belle. La partita comincia ora».