Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 12 Dicembre 2017 - Aggiornato alle 19:32 - Lettori online 805
MODICA - 31/10/2016
Politica - Il consigliere Sel Vito D’Antona chiede che la questione venga subito discussa in aula

Riscossione tributi cara, revocare affidamento

Una delibera ha esternalizzato il servizio con il 20 per cento di aggio a carico del contribuente moroso Foto Corrierediragusa.it

Il comune deve recuperare tributi comunali non pagati e si affida ad una società di riscossione. La deliberazione dell’amministrazione non convince il consigliere Vito d’Antona (Sel) che ha chiesto la revoca dell’atto grazie al quale il sindaco ha già attivato il contratto per la riscossione. Gli oneri a carico dei cittadini morosi, segnala D’Antona, saranno pesanti ed inoltre l’esternalizzazione del servizio riscossione appare illegittima. D’Antona rileva innanzitutto come il costo della notifica ai cittadini inadempienti sarà di 20 euro di cui 16 a favore del consorzio che potrà anche godere per il servizio offerto del 7,5 per cento su quanto riscosso.

Il consigliere di Sel inoltre evidenzia che la scelta della società di riscossione deve essere operata con una gara di evidenza pubblica e che deve essere inoltre iscritta ad un apposito albo ministeriale, elemento che non è di fatto riscontrabile in chi ha avuto affidato il servizio. D’Antona ha dunque chiesto che l’affidamento venga revocato e la questione sia dibattuta dal consiglio comunale per l’opportuno approfondimento.