Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 997
MODICA - 13/09/2016
Politica - Guasto informatico blocca il sorteggio della nuova triade per il periodo 2016-2019

Modica, slitta ancora la nomina dei revisori dei conti

La denuncia di Vito D’Antona (Sel).Non ancora esaminati dal consiglio il conto consuntivo 2015 e il Bilancio 2016 Foto Corrierediragusa.it

Conto consuntivo 2015 e bilancio 2106 tardano ad arrivare in aula. Il consiglio (foto) nel frattempo si aggiorna per nominare i nuovi revisori dei conti per il triennio 2016-2019. L’organismo è vitale per l’approvazione dei conti del comune ma un «pasticcio» informatico ha reso necessario il rinvio del sorteggio perché due candidati non erano stati computati alla scadenza dei termini del bando per un «vuoto» informatico che si è registrato nel sistema. Le istanze sono state acquisite solo a seguito di un intervento di una ditta specializzata che ha operato al recupero dei dati; troppo tardi, tuttavia, perché la delibera potesse essere approntata dal consiglio.

Vito D’Antona da parte sua è tornato ad insistere sulla difficile situazione finanziaria dell’ente perché la mancata approvazione del bilancio ritarda l’accreditamento di oltre 2 milioni di euro da parte di Stato e Regione. Il consigliere Sel ribadisce come l’ente paga 700mila euro di interessi l’anno per l’anticipazione di cassa, ormai stabilizzata attorno ai 20 milioni di euro e che la riscossione dei tributi procede con lentezza e non fa registrare, anzi, significativi passi in avanti.

Per D’Antona «non si intravvede una forte e rigorosa strategia di risanamento finanziario e che la loro persistenza potrebbe pregiudicare gli impegni assunti dal Consiglio Comunale in ordine alle prescrizioni dettate dalla Corte di Conti in occasione dell’approvazione del Piano di Riequilibrio, con il rischio di riaprire la pericolosa prospettiva del dissesto finanziario».