Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 246
MODICA - 02/07/2016
Politica - Ampio dibattito in seno all’ultima seduta della civica assise

Modica pagherà il debito con Scicli per la discarica

Si tratta di 5 milioni 636 mila euro Foto Corrierediragusa.it

Il debito con Scicli sarà pagato. Il consiglio comunale ha approvato a maggioranza, 14 favorevoli, 4 astenuti, uno contrario, il debito contratto per l’utilizzo della discarica di S. Biagio. Si tratta di 5 milioni 636 mila euro (compresi gli interessi legali) grazie alla transazione concordata con la triade commissariale che regge il comune di Scicli che ha «accordato» uno sconto di quasi il 30 per cento sugli interessi. Modica aveva già pagato un milione 200 mila euro ad ottobre dello scorso anno e doveva riconoscere il restante debito fuori bilancio prima di procedere al saldo del conto. Le modalità votate dal consiglio comunale prevedono sei rate che si esauriranno nel 2021; le prime due da 800 mila euro le restanti 4 da 709 mila euro. Si chiude così un capitolo che ha incrinato negli anni i rapporti tra i due enti visto che Palazzo S. Domenico non è mai riuscito ad onorare il debito pur riconoscendone la legittimità e soprattutto concordando piani di pagamento che non sono stati rispettati.

Il dibattito in aula prima della votazione si è incentrato sulla scelta dell’amministrazione di onorare il debito utilizzando risorse del bilancio comunale e non i fondi assegnati dal D.L. 35. Per l’assessore al Bilancio Enzo Giannone questi fondi non possono essere utilizzati per debiti fuori bilancio come quello con Scicli. Per Vito D’Antona questa scelta è errata perché toglie risorse all’ente che avrebbe potuto utilizzare queste somme per pagare operatori ecologici, cooperative e Spm.

Sempre per D’Antona l’amministrazione è anche sfuggita al confronto con il consiglio comunale ed ha rilevato che avrebbe dovuto pagare subito e nel caso di contestazione, perché il debito non era certo, esigibile e certo, avrebbe potuto optare, ma solo in seconda battuta, per per pagare con fondi del bilancio comunale. Diversa la valutazione dell’amministrazione che ritiene di aver fatto risparmiare all’ente circa 750 mila euro.