Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:03 - Lettori online 1107
MODICA - 27/08/2008
Politica - Modica - In vista della seduta di sabato del consiglio comunale

Nigro: "Atti amministrativi cercasi". Garofalo: "Sono qui"

Schermaglie tra il capogruppo Udc e il presidente del consiglio Foto Corrierediragusa.it

Che fine hanno fatto gli atti amministrativi del bilancio preventivo 2008, di cui si dovrebbe discutere in consiglio nella seduta convocata per sabato mattina? Se lo chiede il capogruppo consiliare Udc Paolo Nigro (nella foto), che lancia una stoccata al sindaco Antonello Buscema e alla sua giunta, «rei ? secondo Nigro ? di predicare bene e razzolare male.

Se a parole ? spiega il capogruppo ? il primo cittadino invoca la collaborazione e la sinergia, nei fatti se ne infischia di coinvolgere anche l’opposizione nei vari punti nodali che caratterizzano l’attività amministrativa. Un esempio emblematico è dato proprio dalla mancata disponibilità degli atti amministrativi del bilancio preventivo 2008: i responsabili dei competenti uffici ? incalza Nigro ? mi hanno risposto che non ve n’era traccia sulle loro scrivanie. Mi chiedo come possano i consiglieri discutere in aula di un argomento così cruciale senza aver prima avuto la legittima possibilità di visionarne i relativi atti?»

Paolo Nigro è un fiume in piena: «c’è da restare negativamente basiti dell’atteggiamento ondivago assunto dal sindaco. Quest’ultimo ? prosegue il capogruppo ? ha continuato a fare orecchie da mercante anche al confronto costruttivo. Avevo io stesso avanzato richiesta di convocare una riunione dei capigruppo nella quale il sindaco fosse presente per sciogliere alcuni dubbi e per concertare una linea comune.

Nulla di tutto ciò mentre invece ? conclude Nigro - apprendiamo della convocazione «repentina» della seduta del consiglio per sabato prossimo, dove saremo in pratica costretti a presentarci allo sbaraglio su un argomento delicatissimo, quale quello del bilancio preventivo 2008, dal quale dipendono le sorti finanziarie di un ente con l’acqua alla gola». In attesa che sabato si faccia chiarezza, almeno così si auspica, continua il balletto di cifre sul debito accumulato negli anni da palazzo San Domenico: sarebbe di oltre 52milioni di euro. L’assessore al bilancio Emanuele Muriana ha ultimamente fatto riferimento ad un disavanzo di una ventina di milioni. Anche per sciogliere questi nodi Nigro pretende gli atti prima della seduta del consiglio.

Paolo Garofalo