Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:23 - Lettori online 940
MODICA - 13/10/2007
Politica - Modica - Sempre più nera la crisi finanziaria dell’ente

D´Antona: "Il bilancio
va reimpostato"
L´assessore Drago va a Palermo

Sei milioni di euro che mandano in tilt i conti Foto Corrierediragusa.it

Vito D’Antona (nella foto) insiste: il bilancio 2007 va rivisto e reimpostato. Per il capogruppo di Sinistra democratica non ci sono vie d’uscita perché vengono a mancare le somme che l’amministrazione ha iscritto per il fitto del palazzo di giustizia.

Si tratta di poco più di sei milioni di euro che manderebbero in tilt i conti per cui D’Antona si è appellato al presidente del consiglio Enzo Scarso ed al presidente del collegio dei revisori dei conti perché sollecitino l’amministrazione a riportare il bilancio in aula ed a rivederlo nella sua impostazione.

D’Antona parte dal presupposto che le somme inserite nel bilancio non sono più esigibili da parte dell’ente dopo che il direttore generale del ministero della giustizia ha comunicato che nulla è dovuto per il fitto dell’immobile. Dei sei milioni di euro dovuti tuttavia sarà bene precisare che un paio di milioni sono dovuti comunque dall’amministrazione centrale della giustizia per le spese di manutenzione nel corso degli ultimi sei anni e che il ministero non ha mai negato di volere versare all’ente. In ogni caso la mancata entrata degli altri quattro milioni resta un problema anche se l’amministrazione ha affidato ad un ricorso nei confronti del ministero la speranza di riavere quanto ritiene di dovere avere. « E’ urgente affrontare di nuovo il problema bilancio ? dice Vito D’Antona ? la situazione è drammatica oggi e diventerà ancora più drammatica se non corriamo ai ripari e vediamo come fare fronte alle mancate entrate».

L’assessore al bilancio Carmelo Drago dal suo canto manifesta fiducia, ma nulla di più, sul ricorso presentato anche se non nega le difficoltà di cassa dell’ente. A complicare le cose per palazzo S. Domenico c’è lo slittamento dei trasferimenti regionali agli enti locali a causa della mancata approvazione delle variazioni di bilancio da parte della regione. L’amministrazione contava sull’arrivo di queste somme per pagare stipendi a personale e cooperative ma dovrà ora inventarsi qualcosa per far fronte ai propri impegni. L’assessore Drago andrà la prossima settimana a Palermo per cerca re di avere delle anticipazioni da parte della cassa tesoriera della regione proprio per fronteggiare una situazione che alla fine dell’anno si fa ancora più complicata.