Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 2 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:28 - Lettori online 1167
MODICA - 06/01/2016
Politica - Monta anche la polemica sulle bollette del’acqua con consumi "presunti"

Modica ancora senza bilancio 2015: "Sindaco, dimettiti"

Denuncia del Pd sul grave ritardo dell’amministrazione che non ha redatto gli strumenti finanziari. Per Idv il primo cittadino deve lasciare Foto Corrierediragusa.it

Anno nuovo ma del bilancio 2015 niente notizie. L´amministrazione è alle prese con la redazione dello strumento finanziario ormai scaduto per quanto riguarda l´anno passato. Succederà che, come rileva il Pd in una nota, l´amministrazione dovrà presentare al consiglio comunale il preventivo 2015 e il consuntivo dello stesso anno dato che per forza di cose non possono non essere identici. Dice ancora il Pd: "Per recuperare un minimo di attendibilità amministrativa e contabile dinanzi alla Corte dei Conti, il sindaco presenti al più presto in consiglio comunale la proposta del bilancio preventivo per l’anno 2016". Anche il commissario provinciale di Italia dei Valori Ignazio Giunta entra nel merito della vicenda ed esorta senza mezzi termini il sindaco a dimettersi per i manifesti ritardi che potrebbero compromettere il futuro del comune.

Intanto l´anno che si è appena chiuso ha portato le bollette dell´acqua relative ai consumi 2015. In molti casi si tratta di consumi "presunti" per l´impossibilità da parte degli addetti al servizio di verificare i consumi reali. Questo è il motivo per il quale in questi giorni presso gli uffici comunali si formano lunghe code da parte degli utenti che chiedono spiegazioni. Vito D´Antona (Sel) ha denunciato una prassi ormai consolidata a tutto danno dei cittadini: "E’ inammissibile che dopo quasi tre anni di amministrazione dobbiamo ancora assistere alla improvvisazione ed alla superficialità in un settore delicato come quello della riscossione delle entrate e del rapporto corretto tra comune e cittadini.