Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:57 - Lettori online 798
MODICA - 20/08/2015
Politica - Parere non favorevole al piano per la corresponsione dei trattamenti accessori

Troppi incentivi al comune di Modica: così proprio non va!

Il segnale all’amministrazione è chiaro: ci vogliono regole che garantiscono tutto il personale Foto Corrierediragusa.it

Niente erogazioni a pioggia di incentivi per il personale e per i titolari di posizioni organizzative. Ci vuole un piano preciso per fissare i criteri e poi assegnare le risorse. Il Collegio dei Revisori dei conti ha dato parere non favorevole al piano presentato dall´amministrazione per la corresponsione dei trattamenti accessori che spesso si traducono in un congruo introito. I revisori chiedono all´amministrazione che sia prevista una effettiva selezione meritocratica con valutazione degli obiettivi conseguiti. La dotazione finanziaria del piano presentato dal funzionario responsabile, che ha fissato la somma di un milione 558 mila euro lordi, non è stato sottoposto al parere del Collegio dei Revisori per la verifica della congruità delle risorse e disponibilità finanziarie. Anche dal punto di vista tecnico il segretario generale ha evidenziato la "inesistente valutazione da parte dei responsabili, all´entità delle risorse economiche all´assegnazione a prescindere dalla natura e complessità degli incarichi".

E´ insomma un piano che non va e che soprattutto rischia di disperdere le risorse in rivoli e rivoletti per premiare chi non ne ha titolo ed escludere chi potrebbe beneficiarne per l´effettivo lavoro svolto. Tutto da rifare dunque anche perchè si sarebbero applicati erroneamente i parametri validi per i cosiddetti "piccoli comuni" nei quali Modica non rientra. A questo punto il segnale all´amministrazione è chiaro: ci vogliono regole che garantiscono tutto il personale, a prescindere.