Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 867
MODICA - 19/08/2015
Politica - L’ennesima figuraccia di palazzo San Domenico

Il commissario ad acta è giunto a Modica: e ora?

Il consigliere comunale Pd Ivana Castello si è rivelata facile profeta Foto Corrierediragusa.it

Al comune di Modica è arrivato il commissario ad acta: la Regione ha proceduto alla nomina per approvare il conto consuntivo, i cui tempi non sono stati per nulla rispettati. E così è stato inevitabile l´insediamento di Angelo Sajeva quale commissario ad acta. E’ stato l’assessore regionale agli enti locali Giovanni Pistorio a decidere per la nomina di Sajeva, funzionario dello stesso assessorato, a commissario ad acta per l´approvazione del rendiconto di gestione 2014. Un atto dovuto verso un comune inadempiente. Il funzionario regionale ha avuto un preciso mandato articolato su cinque punti al fine di evitare in ultima analisi lo scioglimento del consiglio comunale, che resta una ipotesi piuttosto concreta. Sajeva dovrà infatti verificare perchè l´atto che certifica lo stato dei conti dell’ente comune in riferimento allo scorso anno non è stato adottato. Inoltre il commissario ad acta dovrà sollecitare i revisori dei conti a fornire il parere affinché il consiglio comunale possa adottare l´atto, una circostanza che si sarebbe dovuta concretizzare già lo scorso 30 aprile. Ma così non è stato, complice anche una legislazione regionale che è cambiata in itinere. Sta di fatto che l´amministrazione ha adottato la delibera da pochi giorni.

Il commissario ad acta ha preso visione di tutti gli atti a disposizione e dato ancora qualche margine ristretto di tempo prima di passare eventualmente all´approvazione del documento finanziario con i suoi poteri. Questo passaggio, come accennato, potrebbe portare allo scioglimento del consiglio comunale.

IVANA CASTELLO: "AMMINISTRAZIONE SCALCINATA E INCOMPETENTE"
Il rischio di scioglimento del consiglio comunale è tangibile, come più volte denunciato dal consigliere Pd Ivana Castello, che ha bollato l´amministrazione come «Scalcinata e incompetente». La Castello si domanda: «Era necessario giungere a tale figuraccia dinanzi agli elettori e ai cittadini in genere? Questi sono comunque i risultati di questa amministrazione – conclude la Castello – ovvero il commissariamento con il probabile scioglimento del consiglio comunale».

LA NOTA DEL PD: "LO AVEVAMO DETTO, EPPURE"...
Anche il Pd prende posizione sulla vicenda, e lo fa con una nota: "A causa della mancata approvazione nei termini di legge da parte del comune di Modica del bilancio consuntivo 2014, con decreto n. 192 del 3/8/15 la Regione Siciliana ha nominato il commissario ad acta per gli atti occorrenti ai fini dell’approvazione di detto bilancio. Trovano quindi conferma tutti gli allarmi lanciati per tempo dai nostri consiglieri e dalle forze dell’opposizione e sono clamorosamente smentite tutte le rassicurazioni date dall’amministrazione Abbate.

La maggioranza che sostiene questo sindaco - si continua a leggere testualmente - ha da tempo perso il bandolo della matassa sia dal punto di vista politico, sia dal punto di vista finanziario perché dietro il ritardo nella presentazione della proposta di approvazione del bilancio consuntivo c’è l’assoluta difficoltà di far quadrare i conti.

Alle giustificazioni dell’assessore al bilancio che spiegava il ritardo nell’adozione dell’atto con il continuo aggiornamento delle disposizioni contabili da parte della Regione, si contrappone quanto si legge chiaramente nelle premesse del decreto di nomina del commissario ad acta ossia che lo schema del bilancio era stato approvato dal Ministero dell’interno ben l’8 aprile del 2015 ed era stato assegnato un termine ad adempiere entro il 31 maggio: lasciamo ai cittadini le logiche conclusioni - conclude il Pd - e invitiamo l’amministrazione a prendere atto del proprio fallimento politico e amministrativo e di trarne le dovute conseguenze".

Nella foto palazzo San Domenico, sede del comune di Modica


Il comune di Modica Commissariato
20/08/2015 | 14.53.45
Marcello

Ennesima figuraccia per Modica grazia ai suoi abili amministratori.
Mi chiedo, ma se Modica non è in grado di auto amministrarsi al punto da farsi commissariare, mi chiedo, con quale coraggio il sindaco Abbate ha canditato la propria città a guidare il "Consorzio della Val di Noto"? I risultati sarebbero stati devastanti.