Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:29 - Lettori online 1088
MODICA - 03/06/2015
Politica - Resta tutto invariato nel pagamento della tassa

D´Antona: "Tasi sempre alta a Modica"

Chi si attendeva agevolazioni e riduzioni può rassegnarsi Foto Corrierediragusa.it

Non ci sono novità da palazzo S. Domenico. La Tasi si pagherà con le stesse modalità dello scorso anno entro giorno 16. Chi si attendeva agevolazioni e riduzioni può rassegnarsi perchè proprio in questi giorni l´amministrazione ha confermato le aliquote del 2014 visto che il consiglio comunale non ha ancora approvato quelle per l´anno in corso. La tassa è dovuta per tutti gli immobili, compresa la prima casa e non ci saranno agevolazioni di sorta per le fasce più deboli. Le proposte avanzate lo scorso anno dai gruppi di opposizione perchè fossero previste delle differenziazioni per quanti hanno un reddito più basso sono state infatti bocciate nonostante la legge lo preveda. Sulla questione Vito D´Antona (foto) consigliere comunale di Sel è ritornato alla carica: "L´amministrazione non ha neppure accolto la proposta dei consiglieri di minoranza, che, facendo leva su una facoltà concessa dalla legge, tendeva a non introdurre la Tasi nel nostro Comune. Così anche nel 2015, come già avvenuto l’anno scorso, ai cittadini di Modica viene riservata una tassazione tra le più alte della provincia, con una percentuale complessiva, tra Imu e Tasi, del 10,45 per mille, vicino al limite massimo che è del 10,60 per mille.

I cittadini, palesemente penalizzati, sono costretti a fare i conti con l’esosa Tasi, con la Tari, della quale non viene ancora restituita la parte incassata in più nel 2014, e con le bollette errate dell’acqua. I ritardi nella presentazione al Consiglio Comunale del conto consuntivo 2014, il cui termine è scaduto il 30 aprile, del bilancio di previsione 2015, ancora in alto mare, i continui recenti rilievi del Collegio dei Revisori dei Conti su molti atti della gestione finanziaria, il Piano di riequilibrio non ancora approvato a fronte di un incremento costante della spesa, delineano un quadro estremamente preoccupante di una situazione finanziaria che al Comune di Modica sembra non essere seguita da nessuno".