Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 778
MODICA - 18/07/2008
Politica - Modica - La nostra redazione ha assegnato i voti

Le pagelle del Corriere
per qualche consigliere

Tra il serio e il faceto, la valutazione del nuovo civico consesso Foto Corrierediragusa.it

Il nuovo consiglio comunale ci ha ispirato. Con esordienti e veterani, abbiamo "giocato" a stilare le pagelle, assegnando i voti. In pochissimi arrivano alla sufficienza. La prima uscita del civico consesso, non a caso, non è stata memorabile. Ma si può, e di deve, migliorare. Attendiamo commenti. Buona lettura.

Michele D’Urso
All’esordio da presidente della seduta. Aula troppo infuocata per lui, soffre l’emozione, ritarda i tempi, cerca di cavarsela con il mestiere appreso nelle aule giudiziarie. Da rivedere ( come la cravatta). Voto 5

Paolo Nigro
Ha un fantasma alle spalle; è quello di Piero Torchi , di cui a volte assume i toni declamatori senza averne la stoffa e l’incisività. Deve impegnarsi di più. Il campionato , ahimè per lui, è cambiato e gioca per non retrocedere. Voto 4

Luigi Carpenzano
E’ il regista del Pdl; ha qualche buona sortita ma i suoi assist non sono messi a frutto. Picchia il giovane Colombo da bravo capitano. Da ammonizione. Voto 6

Michele Colombo
Prima entrata in gioco pericoloso, seconda a gamba tesa. E’ da espulsione alla prima partita. Riceve un sms di congratulazioni dal Fan club Innocenzo di Ispica. Da ritiro ( non spirituale). Voto 4

Tato Cavallino
Sgomita e cerca di farsi largo ma in campo ci sono tipi da All Blacks che lo affondano alla prima mischia. Voto 5

Giovanni Scucces
E’ rimasto in panchina e tiene i contatti tra l’aula e il quartier generale di Quartarella. Non sembra che qualcuno l’ascolti ma lui ci prova lo stesso. S.V.

Antonello Buscema
E’ in forma e si vede dall’inizio; migliore in campo, se non altro per i toni. Gioca con fair play, ma entra duro quando deve. Predica nel deserto. Reggerà il ritmo del campionato ? Voto 7

Carmelo Scarso
Il solito mastino; Gattuso per lui è il cocker di famiglia. Il pubblico lo esalta ma fa poco per farsi apprezzare. Porta acqua al mulino ma nulla di più. Voto 6

Giovanni Giurdanella
Toni molto british ma l’impressione è che giochi per se stesso. Gli riesce qualche tunnel ma riconsegna la palla agli avversari. Voto 6

Vito D’Antona
Era il più atteso ma resta in panchina. Non si capisce perché; si dice che sta facendo potenziamento per prepararsi agli scontri decisivi. S.V.

Giancarlo Poidomani
Regista inespresso; ne ha tutte le potenzialità ma si perde anche lui nel cuore della notte. Voto 5

Nino Gerratana
Quando entra in campo non sa con quale maglietta gioca. Lo capisce solo dopo un’ora ma i danni già li aveva fatti. Candidato naturale al cambio di casacca , non per niente è il pezzo più pregiato sul mercato. Voto 4


IL "COLOMBO" DELLA PACE?
Di Duccio Gennaro

Maggioranza con le mani libere ed opposizione all’attacco. La mancata elezione del vicepresidente del consiglio scatena la bagarre nei due schieramenti. Mpa e Pd dichiarano di ritenersi liberi da ogni vincolo e potrebbero non conformarsi alla linea già indicata; quella, cioè, di votare un esponente del centro destra alla carica di vicepresidente.

La candidatura di Nino Gerratana viene giudicata strumentale ed ha avuto « un sapore indigesto di una provocazione politica che non possiamo accettare rispetto ad una disponibilità di livello alto che non è stata compresa». Per il Pdl invece la mancata accettazione della candidatura di Gerratana è sintomo dello scollamento interno alla maggioranza che , secondo il gruppo consiliare di opposizione, è dominato dal disegno di Riccardo Minardo di punire Gerratana per il suo appoggio a Scucces.

Il gruppo consiliare apre poi il fronte interno nei confronti di Michele Colombo al qquale viene rimproverato di non essersi conformato alla linea del partito né in aula né in campagna elettorale visto che non avrebbe sostenuto come avrebbe dovuto Giovanni Scucces. Per il comportamento tenuto in campagna elettorale da Colombo e in aula il gruppo ha chiesto direttamente al coordinatore regionale Angelino Alfano di seguire la situazione ed in particolare gli atteggiamenti politici di Innocenzo Leontini che di Colombo è lo sponsor principale.