Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 19:05 - Lettori online 1149
MODICA - 22/04/2015
Politica - Intanto le tasse a carico dei cittadini di certo non diminuiscono

Modica in pre dissesto? 20 mila euro alle tv in pubblicità!

Vito D’Antona , Andrea Caruso, Ivana Castello, Carmelo Cerruto, Michele Colombo e Giovanni Spadaro chiedono la immediata revoca della delibera Foto Corrierediragusa.it

E´ opportuno spendere 20 mila euro per la comunicazione istituzionale su emittenti tv locali con un comune in condizione di pre dissesto economico finanziario? E´ la domanda che sei consiglieri comunali di opposizione, Vito D’Antona , Andrea Caruso, Ivana Castello, Carmelo Cerruto, Michele Colombo e Giovanni Spadaro, pongono al sindaco alla luce dell´approvazione di una delibera di giunta che stanzia la somma per l´anno in corso. Per i consiglieri, che chiedono la revoca immediata della delibera, si tratta di un dispendio di risorse visto la situazione finanziaria a palazzo S. Domenico non è delle migliori e il Piano di Riequilibrio, da oltre due anni all´esame del Ministero dell´Interno e della Corte dei Conti, e non ancora esitato favorevolmente, impone la riduzione e il contenimento dei costi. Tra l´altro l´amministrazione per la sua comunicazione istituzione può contare sull´Ufficio stampa e sull´Ufficio relazioni con il pubblico, entrambi deputati istituzionalmente alla comunicazione esterna. I consiglieri inoltre rilevano che il capitolo di bilancio sul quale è stata iscritta la spesa non è quello della pubblicità e che l´amministrazione da un lato introduce nuove tasse e dall´altro non si fa problemi a incrementare spese certamente evitabili.

La domanda dei consiglieri è posta non solo al sindaco, al quale viene chiesto di revocare subito la delibera ma anche al Segretario generale dell´ente, e al presidente dei Revisori dei Conti ai quali viene anche chiesto di valutare la legittimità del´atto.

Nella foto palazzo San Domenico, sede del comune di Modica