Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:03 - Lettori online 951
MODICA - 30/06/2008
Politica - Modica - Tutti in coro: « Non vincevamo da sei anni»

La festa di Buscema e di tutto il centro sx (donne comprese)!

E’ la festa delle donne che accolgono Buscema appena mette piede in sala. Giovani, agguerrite, hanno lavorato porta a porta Foto Corrierediragusa.it

La festa di Antonello Buscema è la festa di tutto il centro sinistra. Nella vecchia sede di corso Umberto c’è che libera di un nodo rimasto in gola per troppo tempo. « Non vincevamo da sei anni» e partono le prime bottiglie di spumante che qualche volenteroso ha portato in sede. E’ la festa delle donne che accolgono Buscema appena mette piede in sala; sono giovani, agguerrite, hanno lavorato porta a porta.

« Ci credevamo più di tutte e ce l’abbiamo fatta». Passano tutti da lì; c’è Roberto Ammatuna, c’è Pippo Di Giacomo, c’è Antonio Borrometi, ci sono giovani e meno giovani che organizzano già la festa in piazza di stasera; concerto e comizio in piazza Matteotti alle 21.30. Poi arriva Antonello Buscema; è costretto a salire sul tavolo e ad improntare il primo discorso da sindaco: porta gli occhiali da sole, è sudato, emozionato; le sue prime parole sono di rito ma il primo pensiero è a chi con lui ha perso in questi anni ma ha continuato a crederci.

Poi parte un applauso; è per Giovanni Scucces che in Tv riconosce i meriti dell’avversario e gli manda un saluto. Anche questa è la festa di Buscema che si avvia poi verso palazzo S. Domenico. Non ci arriva perché a metà strada incrocia la pattuglia Mpa che arriva da S. Francesco alla cava con Riccardo Minardo ed Enzo Scarso in prima fila. E’ una Madonna vasa vasa versione estiva con abbracci e baci. La madonna non c’è, non ci sono i botti, non ci sono i colombi; c’è l’entusiasmo, la voglia di farcela ed i vecchi nemici di ieri si affratellano. A Modica è scoppiata la pace e c’è chi ringrazia Nino e Peppe.