Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 323
MODICA - 31/12/2014
Politica - Intanto la Regione ha trasferito in extremis un milione 228 mila euro

D´Antona: "A Modica cittadini bancomat per il sindaco"

Ma l’amministrazione resta sotto il monitoraggio dei revisori del conti Foto Corrierediragusa.it

Il trasferimento in extremis di un milione 338 mila euro da parte della Regione a palazzo S. Domenico ha consentito all´amministrazione di mantenere gli equilibri di bilancio. Il collegio dei revisori dei conti ha preso atto dell´incasso di queste somme e ha certificato il mantenimento ed il rispetto del patto di stabilità. Il presidente del Collegio, tuttavia, ha sollecitato gli amministratori ed i dirigenti finanziari a monitorare ad ogni passo gli impegni di spesa e i mandati di pagamento perchè l´ente non si può permettere di sforare. Ogni spesa dunque deve avere la sua copertura per non incorrere in passi falsi. L´amministrazione ha annunciato che a fronte delle difficoltà di riscossione dei tributi dovuti dai cittadini e non pagati affiderà l´incarico ad una società esterna. Ci sono 24 milioni di tasse inevase o eluse e non si guarderà tanto per il sottile.

Ma sulla politica finanziaria dell´amministrazione si sono riversate le critiche dell´opposizione con Carmelo Cerruto e Ivana Castello del Pd e Vito D´Antona (foto) di Sel che hanno ribadito molte incongruenze. "Sul gettito Imu 2014 - ha detto Ivana Castello - secondo le proiezioni del Ministero l’incasso dovrebbe essere di cinque milioni e mezzo e l’accertamento è di sette milioni di euro. Facile così arrivare ad un avanzo un avanzo e mantenere il patto di stabilità visto che pagano i cittadini".

Vito D´Antona ha definito "scandalosa" la richiesta di anticipazione di cassa di 21 milioni di euro malgrado l’ente abbia avuto 64 milioni di euro e ne trattenga ancora 24 in cassa. Per il consigliere Sel il bancomat dell’amministrazione sono i cittadini modicani che pagano tasse in più rispetto al costo del servizio Tari. D´Antona ha chiesto che il milione e 200mila euro in più introitate siano restituite ai cittadini. Per il sindaco il mantenimento degli equilibri di bilancio è un obiettivo raggiunto, la mancata riscossione delle tasse sono problemi ereditati e le tasse potranno essere abbassate in futuro perchè è aumentata la base dei contribuenti.