Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:37 - Lettori online 750
MODICA - 28/12/2014
Politica - Il consigliere di Sel Vito D’Antona ha fatto i conti in tasca all’amministrazione

Ben 539 mila euro spesi a Modica in 6 mesi dal sindaco

Ivana Castello ha invece evidenziato «L’artifizio contabile con cui l’amministrazione si pone nelle condizioni di poter richiedere l’anticipazione di cassa» Foto Corrierediragusa.it

Le anticipazioni di cassa che palazzo S. Domenico richiederà alla banca tesoriera per il 2015 ammontano a quasi 21 milioni di euro. Si passa così dai 17 milioni del 2014, che sembravano già essere un limite invalicabile, ai 20 milioni 861 mila euro dell’anno che sta per cominciare. Il tutto per «Far fronte ad eventuali esigenze di cassa», come si legge nella delibera di giunta datata 23 dicembre. Il sindaco insomma non intende frenare la sua «voglia di spesa» e attinge a piene mani alle anticipazioni non sapendo, o facendo finta di non sapere, che su queste anticipazioni l’ente dovrà poi pagare interessi salati. Il sindaco ha evidentemente un «debole» per le anticipazioni visto che nel corso della sua attività amministrativa, come accennato, è passato da 10 milioni del 2013, ai 17 milioni di quest’anno e ora a quasi 21 milioni, praticamente come se nulla fosse, mentre il comune rischia pericolosamente il dissesto. La sola festa del cioccolato di questo mese è costata all’amministrazione comunale quasi 200 mila euro, una vera follia in questi tempi di crisi profonda in cui quasi tutti tirano la cinghia. A lanciare ancora una volta l’allarme sulle continue spese pazze dell’amministrazione sono i consiglieri comunali Vito D´Antona di Sel e Ivana Castello del Pd, gli unici ad uscire fuori dal coro silenzioso di una opposizione piuttosto «morbida». I due consiglieri, in altrettanti distinti interventi, hanno chiesto conto e ragione di questa ulteriore richiesta di liquidità alla banca tesoriera.

Vito D’Antona ha in pratica fatto un po’ di conti in tasca al sindaco: «Oltre alla decine di piccole iniziative finanziate durante l’anno – scrive D’Antona – il sindaco ha speso, a carico del bilancio comunale, 231 mila euro per l’estate modicana, 194 mila euro per la festa del cioccolato, 68 mila euro per l’illuminazione di Natale e 46 mila euro per le manifestazioni natalizie. Ci sono poi gli incarichi affidati all’esterno per oltre 100 mila euro, alcuni realizzati e altri tentati, a fronte di oltre 500 dipendenti in servizio». Il 2015 si annuncia quindi con un ulteriore «anno nero» per i contribuenti che, a conti fatti, dovranno loro malgrado sostenere il peso delle spese del sindaco con tasse e balzelli vari che pagheranno di tasca loro. Ma questo aspetto della vicenda il primo cittadino non lo evidenzia, chissà perchè.

Ivana Castello ha invece evidenziato «L’artifizio contabile con cui l’amministrazione si pone nelle condizioni di poter richiedere l´anticipazione di cassa». Scrive la Castello: «La previsione di incasso dell’Imu invece di 5 milioni e mezzo di euro, come previsto dal ministero dell’economia e delle finanze, è stata accertata dall’ente comune in 10 milioni, ossia 4 milioni e mezzo in più. Ciò è stato fatto «ad arte» solo sulla carta non solo per determinare l’avanzo di amministrazione e rispettare il patto di stabilità per il 2013, ma pure nella prospettiva di aumentare la disponibilità dell’anticipazione di tesoreria per il 2015. L’anticipazione infatti – conclude il consigliere del Pd – si calcola considerando i cinque dodicesimi delle entrate accertate dei primi tre titoli del 2013».


Che squallore..
28/12/2014 | 16.25.56
Modicano

é assolutamente vergognoso.squallore totale sia per il fatto che questa aministrazione che ad oggi si è dimostrata incompetente e sia per quei deficienti che ancora oggi continuano a sostenere questa amministrazione sprecona che non fa nulla per la comunità.la gente non ha più soldi e questo sindaco non fa altro che sprecare denaro pubblico invece di abbassare le tasse.