Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 722
MODICA - 23/10/2014
Politica - Il consigliere Michele Colombo interviene sulla nota dei Revisori dei conti

Consorzio turistico Modica non rendiconta spese!

«In mancanza di interventi non documentati potrebbe presumersi non dovuto il contributo erogato al Consorzio per il 2013, pari a 58 mila euro" Foto Corrierediragusa.it

Il Consorzio turistico ha incassato 58 mila euro nel corso del 2013 quale contributo da parte dell´amministrazione ma non ha rendicontato le spese. Il Collegio dei revisori dei conti ha chiesto chiarimenti al funzionario responsabile ma non ha avuto risposte. La somma è stata prevista per sostenere investimenti nel settore turistico esi aggiunge ai proventi derivanti dall´introduzione della tassa di soggiorno. Il consigliere Michele Colombo (nella foto) ha chiesto conto e ragione al sindaco perchè ritiene che sulla questione debba essere fatta chiarezza. Dice il consigliere di territorio: "A Modica c´è qualcuno che pensa che i soldi del Comune si possano spende con la stessa libertà e arbitrarietà con cui si spendono a casa propria, incuranti del fatto che eventuali danni si ripercuotono sulla collettività. Se finora abbiamo temuto che questa pericolosa inclinazione ce l’avesse solo il sindaco, adesso scopriamo che l’ha contagiata ad ampio raggio".

Colombo fa riferimento alla nota del Collegio dei Revisori dove si sottolinea come «in mancanza di interventi non documentati potrebbe presumersi non dovuto il contributo erogato al Consorzio per l’anno 2013, pari a 58 mila euro. Il Consorzio è tenuto non solo a rendicontare in maniera completa le spese sostenute, ma dovrebbe sentirsi impegnato a rendicontare con trasparenza anche sulle strategie adottate e le scelte fatte per perseguire le proprie finalità. Queste strategie e queste scelte, non dovrebbero essere influenzate dal capo dell’Amministrazione, come se anche il Consorzio fosse un ufficio alle sue dirette dipendenze".