Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 897
MODICA - 03/10/2014
Politica - Si passerà in 2 anni dagli attuali 407 impiegati comunali a 323

Pianta organica ridotta a Modica

Il ridimensionamento strutturale della pianta organica porterà a regime ad un risparmio di quasi sette milioni di euro Foto Corrierediragusa.it

La pianta organica di palazzo S. Domenico diminuirà di 84 unità. I prepensionamenti autorizzati dall´Inps e deliberati dalla giunta scatteranno dal primo gennaio 2015 e si chiuderanno con diversi scaglioni entro il 31 dicembre del 2016. I primi a lasciare il lavoro senza alcun aggravio per l´ente ma con una uscita anticipata sono 29 dipendenti e lasceranno il posto di lavoro alla fine del prossimo anno. Il personale interessato è di 79 unità nelle varie figure professionali oltre a 5 altri impiegati che potranno lasciare il lavoro grazie alla legge Fornero. Per palazzo S. Domenico si tratta di un vero e proprio beneficio perchè i posti lasciati vacanti scompariranno dalla dotazione della pianta organica e non potranno dunque essere più messi a concorso. Si tratta di una vera e propria «cura di dimagrimento» che porterà il personale del comune dagli attuali 407 impiegati a 323 persone nel 2016. Si pone così rimedio all´allargamento a dismisura della pianta organica comunale, dal lontano 1970 in poi, che tanti disastri dal punto di vista economico ha provocato nel corso dei decenni.

Un problema con cui si sono dovute confrontare tutte le amministrazioni di qualunque colore ed indirizzo politico, che, se e quando realizzavano risparmi di spesa, vedevano vanificare gli sforzi dall’obbligatoria destinazione di risorse ingenti per il pagamento del personale. Il ridimensionamento strutturale della pianta organica porterà a regime ad un risparmio di quasi sette milioni di euro nell´arco dei due anni e consentirà di abbattere da 17 milioni a quasi dieci il disavanzo accumulato in questi anni. Questo elemento strutturale è stato dunque naturalmente inserito nel piano di riequilibrio finanziario.

Nella foto palazzo San Domenico, sede del comune di Modica