Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 0:33 - Lettori online 660
MODICA - 30/07/2014
Politica - Rapporti tesi con il primo cittadino

Udc non si sente considerato a Modica: vuole smarcarsi

"Ultimatum" scade a settembre Foto Corrierediragusa.it

Ultima chiamata. L´Udc esige chiarezza dal sindaco Ignazio Abbate e detta i tempi. Chiarimento entro i primi giorni di settembre o il partito si riterrà sciolto da ogni vincolo di coalizione. Il documento della segreteria provinciale Udc non lascia spazio ad equivoci ed è un passo ulteriore avanti rispetto ai campanelli di allarme già suonati sempre nei confronti del sindaco. Le decisioni di Ignazio Abbate su punti ritenuti fondamentali come il Bilancio, il progetto del Libero Consorzio fortemente perseguito dal sindaco (di cui peraltro si sono già perse le tracce), i tentativi di approccio e possibile reclutamento nei confronti di alcuni consiglieri Udc non sono piaciuti così come le "continue e reiterate azioni di discredito e di disinformazioni ostili da parte delle liste civiche e dello stesso Sindaco che hanno messo il partito in una situazione di difficoltà. L’Udc come partito è alla continua ricerca del dialogo per istaurare quei rapporti di collaborazione chiari , leali e coerenti , ma questo a tutt’oggi ci è stato negato, aspettiamo un segnale di dialogo con l’attuale coalizione con serietà , correttezza e disponibilità al confronto".

Altro punto dolente è stato per l´Udc il ritiro della delega quale delegato di quartiere a Papè Rizzone (foto), segretario cittadino scudocrociato sul quale Abbate ha detto senza giri di parole di non riporre più fiducia.