Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:03 - Lettori online 1062
MODICA - 11/06/2014
Politica - Andamento negativo anche nelle riscossioni dei tributi propri del Comune

D´Antona: "Situazione finanziaria delicata a Modica"

Non va meglio nel recupero dell’evasione, se, per come risulta dalla contabilità, a maggio le entrate per tributi, Ici, Tarsu e acqua, non hanno superato il cinque per cento delle somme iscritte Foto Corrierediragusa.it

La situazione finanziaria a palazzo S. Domenico è "delicatissima" e non convince. Lo sostiene Vito D´Antona (nella foto) che torna ancora una volta sulla questione alla luce dei ritardi nel pagamento degli stipendi dei dipendenti della servizi per Modica, SpM, ed mancati trasferimenti all´impresa che gestisce il servizio di raccolta rifiuti. Sono elementi che inducono il consigliere SEL a dire che: "L’amministrazione, nel campo della gestione finanziaria, viva alla giornata e senza una strada chiara da seguire, perché non è certo addebitabile ai Sindacati se non si è proceduto ad oggi all’approvazione del bilancio di previsione 2014 o se ci sono ritardi burocratici nella sostituzione del responsabile dell’ufficio ragioneria. La verità è che gli errori, le scelte e i ritardi dell’Amministrazione cominciano a determinare conseguenze negative che vengono subite dai cittadini. Il ritardo nell’adozione del regolamento sulla nuova tassa sui rifiuti, per esempio, ha costretto il Comune, in tutta fretta, a fare recapitare ai cittadini, solo a qualche giorno dalla prima scadenza, degli avvisi con acconti, per i quali erroneamente in molti casi non sono state calcolate le riduzioni e le deduzioni per pensionati e famiglie meno abbienti, costretti a rivolgersi faticosamente agli uffici.

Non va meglio nel recupero dell’evasione, se, per come risulta dalla contabilità, a maggio le entrate per tributi, Ici, Tarsu e acqua, non hanno superato il cinque per cento delle somme iscritte ormai da anni ed incrementate ulteriormente anche da parte della attuale maggioranza a novembre con l’ultimo bilancio di previsione.

Di fronte alla mancanza di liquidità per l’andamento negativo delle riscossioni dei tributi propri del Comune, oltre che per i ritardi nei trasferimenti di competenza di Stato e di Regione, invece di condurre ragionevolmente a limitare la spesa non obbligatoria, l’Amministrazione ha scelto la strada più semplice, ma anche la più costosa: aumentare la richiesta di anticipazione di cassa alla banca fino a 17 milioni di euro, utilizzandone quasi in modo permanente oltre undici milioni, circostanza tante volte condannata dalla Corte dei Conti, in quanto evidente sintomo di crisi finanziaria strutturale, ancora più preoccupante se si tiene conto della iniezione di liquidità di quaranta milioni di euro che il Comune di Modica ha ottenuto l’anno scorso come prestito dallo Stato, mentre si rimane ancora in attesa dell’esito da parte della Corte dei Conti sul Piano di Riequilibrio".