Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:06 - Lettori online 1535
MODICA - 24/02/2014
Politica - Si doveva tenere un convegno sulle iniziative parlamentari del movimento

Deputati alla porta, M5S contro il sindaco di Modica

I cancelli del PalaCultura erano chiusi e parlamentari e pubblico sono stati dirottati nell’aula consiliare Foto Corrierediragusa.it

Quattro deputati in attesa di un custode. E´ successo per il convegno organizzato dal M5S promosso per divulgare le iniziative parlamentari del movimento. Roberto Fico, presidente della commissione Vigilanza in Rai, Francesco Cappello, capogruppo all´Ars, e le deputate Maria Marzana e Marialucia Lorefice hanno dovuto attendere il via libera del sindaco Ignazio Abbate prima di potersi accomodare nell´aula consiliare. Il convegno infatti si doveva tenere all´Auditorium Pietro Floridia e solo qualche giorno prima era stato comunicato dall´amministrazione che per un concomitante impegno non era possibile concedere la sala. L´alternativa indicata è stata quella del palazzo della Cultura dove parlamentari e pubblico si sono ritrovati per trovare il cancello chiuso e con il custode irreperibile nonostante reiterati tentativi di trovare una soluzione.

Alla fine è stato il sindaco, più volte contattato, a mettere a disposizione l´aula consiliare di palazzo S. Domenico (nella foto) dove alla fine e con ritardo il convegno si è tenuto. Critici ed anche salaci i commenti degli organizzatori: "E´ stata una brutta figura perla città. L´amministrazione ha dimostrato incapacità a rispettare il protocollo minimo di accoglienza e di rispetto delle cariche istituzionali, proprie di qualsiasi democrazia.

Dopo il veto su Piazza Matteotti, ci chiediamo se sia un caso che riguarda sempre il M5S, se ci sono resistenze di natura politica dentro l´amministrazione, i dirigenti o i dipendenti tali da sabotare gli incontri con i parlamentari. Certo è che questa volta, oltre alla responsabilità morale del sindaco bisogna accertare le responsabilità precise e prendere provvedimenti sull´inefficienza di questa macchina amministrativa che nel migliore dei casi si dimostra negligente e di una brutta figura per la città intera perchè non si tratta solo di posizioni politiche, i parlamentari della Repubblica vanno accolti e non lasciati alle inefficienze burocratiche dell´amministrazione".