Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 2 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:28 - Lettori online 1437
MODICA - 18/02/2014
Politica - La comunicazione è arrivata sul tavolo del sindaco

Piano riequilibrio Modica da Corte dei conti a Ministero

La sottocommissione Finanze enti locali del Viminale dovrà esprimere il parere Foto Corrierediragusa.it

Il Piano di riequilibrio finanziario passa da Palermo a Roma. Qui sarà esaminato dalla sottocommissione ministeriale presso il Viminale che si occupa di Finanza locale per il definitivo via libera. Per l´amministrazione la comunicazione arrivata dalla Presidenza della Corte dei conti è una boccata di ossigeno visto che non c´è alcuna certezza che il Piano sia approvato per come è stato impostato e presentato. La Corte dei conti ha comunicato che "alla luce della rimodulazione operata, il Piano di riequilibrio presenta elementi di novità con riferimento ad una nuova articolazione delle misure correttive, alla rideterminazione della dotazione organica ed al parere dell´organo di revisione».

La rimodulazione del nuovo Piano ha avuto tra l´altro l´effetto di bloccare la procedura di proclamazione del dissesto finanziario dell´ente visto che il Piano approvato nel Luglio scorso era inadeguato. Bisogna tuttavia andare ancora cauti e non fare proclami perchè la Corte dei conti con la sua comunicazione non è entrata nel merito della documentazione presentata ma si è limitata a comunicare il passaggio formale alla sottocommissione ministeriale che dovrà esprimere il suo parere. Per avere la certezza dell´approvazione del Piano di riequilibrio, che dovrà essere comunicato entro novanta giorni dalla sua approvazione da parte del consiglio comunale, bisognerà dunque attendere la decisione definitiva sia della magistratura contabile sia della sottocommissione ministeriale.