Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 680
MODICA - 20/01/2014
Politica - Alla faccia del decantato contentimento della spesa. E il consigliere D’Antona chiede lumi

Indennità invariate per sindaco e giunta a Modica

A conti fatti sindaco ed assessori saranno retribuiti esattamente come sono stati finora Foto Corrierediragusa.it

Intento nobile ma poco riuscito. Le buone intenzioni dell´amministrazione Abbate, calcolatrice alla mano, vengono smascherate dai numeri. Il sindaco Ignazio Abbate (foto) e gli assessori infatti hanno fatto il gran gesto di diminuire le loro indennità del dieci per cento per l´anno in corso ed hanno votato la delibera in giunta che sarà successivamente posta all´attenzione del Consiglio comunale. Per i tre mesi per i quali l´indennità agli amministratori ed al presidente del Consiglio è stata ripristinata è stato previsto il compenso di 4.386 euro mensili lordi al mese per il primo cittadino, 3.289 euro, sempre lordi, per il vicesindaco, e 2.851 per assessori e presidente del Consiglio. Vista la buona volontà del sindaco di contenere le spese e di ridurre i costi della politica ci si sarebbe atteso che la riduzione dei compensi votata sarebbe stata operata almeno su quanto finora percepito. La delibera n°6 adottata dalla Giunta va invece in altra direzione; ricorda in premessa che le indennità previste per un comune di 54 mila abitanti sono di 4.873 per il sindaco, 3.655 per il suo vice e 3.167 per gli assessori ed adotta dunque tale schema in modo automatico; gli amministratori non hanno riflettuto abbastanza sul fatto che si sarebbe anche potuto abbassare il tetto retributivo e mettere da parte la tabella ministeriale per manifestare la loro buona volontà in considerazione che l´ente ha avviato il programma di risanamento finanziario e bisogna contenere la spesa.

Non è andata così perchè gli interessati hanno adottato la tabella ministeriale e poi si sono ridotti del dieci per cento gli emolumenti indicati. Non ci vuole molto a verificare che gli emolumenti che gli amministratori di palazzo S. Domenico percepiranno per il 2014 grazie proprio a quel dieci per cento di decurtazione operato saranno esattamente gli stessi di quelli percepiti, seppur per pochi mesi, per il 2013. Difficile a questo punto dire dove sia stato operato il contenimento della spesa visto che a conti fatti sindaco ed assessori saranno retribuiti esattamente come sono stati finora. Un giochetto contabile che prima aumenta e poi diminuisce ma non incanta nessuno. Vito D´Antona (Sel) rileva a proposito del ripristino delle indennità che in sede di Piano di riequilibrio era stato assunto l´impegno di un forte contenimento della spesa per il 2014. Cosa che alla luce della delibera adottata non si è verificata.