Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 2 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:28 - Lettori online 1146
MODICA - 10/05/2008
Politica - Modica - La candidatura a sindaco non rientrava nei suoi progetti

Antonello di nuovo in campo.
Buscema ci riprova: o la va...

Gli ultimi sviluppi fanno rifelttere il coordinatore cittadino Pd Foto Corrierediragusa.it

Giovannino Giurdanella dice no e Antonello Buscema (nella foto) ritorna in campo. L´interessato scioglierà nelle prossime ore la riserva sulla sua candidatura. « Faremo presto ? dice il coordinatore cittadino del Pd ? La candidatura non rientrava nei miei progetti ma ora devo riesaminare la situazione alla luce degli ultimi sviluppi».

Questi riguardano il no di Giovanni Giurdanella per la candidatura a sindaco sulla base di motivi personali e professionali. Giurdanella correrà solo per un posto di consigliere a palazzo S. Domenico ma ha fatto un passo indietro rispetto alla proposta di candidatura. Il giovane avvocato non se l’è sentita dopo una campagna elettorale per le regionali ed ha anche accampato motivi di lavoro.

Il Pd si è così rimesso in moto ed è arrivato al nome di Buscema ,già candidato due anni fa ed uscito sconfitto dal confronto con Piero Torchi al primo turno. « Oggi tutto è cambiato ? dicono alcuni esponenti del Pd ? Il panorama è frammentato e ci sono buone possibilità di arrivare perlomeno al ballottaggio». Buscema ha avuto anche il via libera della sinistra arcobaleno e di tutti quei movimenti come Una Nuova Prospettiva che si sono apparentati con lui alle scorse elezioni.

Il Pd vuole correre con un proprio candidato e lo stesso Buscema è chiaro « L’ipotesi di correre insieme con Mpa ed Udc è destituita di ogni fondamento. Non esiste; il Pd ed il centro sinistra avranno un proprio candidato. Rifaremo la battaglia che ha denunciato in questi due anni la grave crisi finanziaria ed amministrativa che oggi tutti riconoscono ma che nessuno voleva vedere fino a qualche mese fa. Le nostre denunce si sono rivelate molto fondate».

Il Pd tuttavia non chiude le porte a nessuno ed ha dichiarato la propria disponibilità « ad interloquire con le forze sane della città, si legge in un comunicato ufficiale del partito, al di là di rigidi steccati politici, che vogliono contribuire ad un programma di risanamento, ponendosi in alternativa al progetto che fa perno attorno al Pdl e che mira ad instaurare un’egemonia politica ed economica».

La strategia del Pd è quella di arrivare con il proprio candidato al ballottaggio e poi aggregare Udc e Mpa in funzione anti Pdl ed in particolare Nino Minardo la cui egemonia economica , mediatica e politica, vista dal centro sinistra, è il pericolo da scongiurare in città. Giovanni Scucces è infatti visto come la longa manus di Nino Minardo ed allo stesso tempo corresponsabile di quello sfascio finanziario a palazzo S. Domenico visto che Forza Italia e lo stesso Scucces , nella sua qualità di assessore per quasi cinque anni sui sei della giunta Torchi, hanno fatto da asse portante all’amministrazione di centro destra.