Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:45 - Lettori online 670
MODICA - 09/05/2008
Politica - Modica - L’attuale assessore provinciale candidato a sindaco

Enzo Cavallo ha detto sì: "Il Pdl
potrebbe ritirare Scucces"

E’ la proposta che sarà avanzata all’inamovibile Nino Minardo Foto Corrierediragusa.it

Enzo Cavallo (nella foto) è per un sì condizionato, Giovanni Giurdanella ha detto no ed Antonello Buscema è pronto a scendere in campo. Si profila così una corsa a tre per la poltrona di sindaco. Il direttivo cittadino dell’Udc ha dato il via libera a Cavallo che si era riservato una risposta. L’assessore provinciale allo sviluppo economico ha accolto l’invito del partito ma punta ora ad aggregare tutte le forze del centro destra. « Guardo a tutti i partiti del centro destra e voglio aggregare tutte le forze».

Cavallo vuole bussare alla porta del Pdl per verificare se Nino Minardo è disponibile a ritirare la candidatura di Giovanni Scucces al fine di presentare una candidatura unitaria. Impresa difficile perché Minardo ha più volte ribadito di puntare a palazzo S. Domenico sulla base del successo elettorale registrato in città alle politiche.

« Possiamo anche accettare la candidatura Cavallo ? dice invece Riccardo Minardo ? Siamo per un accordo a due con l’Udc visto che il Pdl non ci sente. Cavallo potrà essere il nostro candidato e Giorgio Cerruto il suo vice». Nel centro destra lo scenario è dunque delineato anche se Peppe Drago ha fatto capire nella seduta del direttivo di volere fare l’ultimo tentativo per un accordo a tre.

Drago ha escluso comunque che rispetto ad un no del Pdl l’Udc possa avere un ruolo a sostegno di Scucces. Da questo punto di vista il direttivo è stato compatto « Se non c’è accordo ? dice il segretario Gino Veneziano ? avremo il nostro candidato. Poi si vedrà».