Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 516
MODICA - 25/04/2008
Politica - Modica - Fa discutere la candidatura di Giovanni Scucces

Il Pdl risponde duro a Scarso.
Minardo: "Così non va bene"

Battibecco a distanza tra il giovane Nino e l’avvocato Foto Corrierediragusa.it

Il Pdl difende la scelta di Giovanni Scucces quale candidato a sindaco. Gli attacchi che sono venuti dagli alleati e dall’opposizione non sono stati graditi e il partito di Nino Minardo (nella foto) si chiude a riccio « Volevamo impostare un dialogo, lavorare per il bene della città ed abbiamo ricevuto insulti. Così si getta solo fango « dicono i dirigenti del Pdl chiudendo ogni spiraglio agli alleati innanzitutto.

« Scucces non è un sindaco marionetta e non è vero che non sia in grado di guidare il comune in una situazione difficile ? afferma Nino Minardo. Al parlamentare non sono andati giù i giudizi di Carmelo Scarso e gli attacchi venuti dallo schieramento interno alla destra. « Non risponderemo più a questi attacchi- dice Minardo ? Non mi interessano le reazioni inconsulte ed offensive e prive di ogni proposta. Noi vogliamo lavorare solo per restituire dignità all’ente comune.

Il resto lo lasciamo agli altri». Scucces dal suo canto non vuole entrare nelle polemiche e preferisce stare al largo demandando tutto al partito. Il candidato del Pdl è stato anche attaccato dalla sinistra che ritiene Scucces corresponsabile dello sfascio finanziario di palazzo S. Domenico. « Non tutti i mali sono riconducibili agli ultimi sei anni ? sostiene il Pdl ? Ci sono radici più profonde».

LE DICHIARAZIONI DI CARMELO SCARSO SUL SINDACO MARIONETTA

«Modica non è in vendita e non ha bisogno di sindaci marionetta. Che si rispettino piuttosto gli accordi a suo tempo siglati tra i partiti della coalizione». Lo dichiara l’avvocato Carmelo Scarso capogruppo consiliare di Mpa che, nel tracciare un suo identikit del sindaco ideale, dichiara che «deve essere un uomo politico di polso e di provata esperienza, in grado di saper dirigere un’orchestra che funzioni».

Da queste parole, si evince con fin troppa chiarezza che a Scarso non convince la candidatura ufficiale di Giovanni Scucces a sindaco di Modica per il Pdl. «Diciamo pure che non mi piace ? prosegue Scarso ? ma non per la persona in sé, che stimo come valido professionista, ma perché reputo non possieda le qualità giuste per potersi assumere un onere tanto pesante come quello di gestire la complicatissima situazione economica di palazzo San Domenico».

Ma il profilo del sindaco ideale tracciato da Scarso corrisponde alla sua persona? «Mi limito a rispondere con un no comment, anche perché se avanzassi in questa sede la mia candidatura, rischierei d’apparire quantomeno contraddittorio. Dobbiamo sederci ad un tavolo e discuterne tutti assieme». In caso contrario, cosa succederà?

«Mpa andrà avanti per la sua strada e presenterà un candidato forte che sarà ufficializzato nella giusta sede e con i tempi appropriati. In questo momento ? prosegue Scarso ? ho come l’impressione che qualcuno stia tentando la già sperimentata carta delle furberie dell’ultimo minuto. Ma stavolta non lo permetteremo. Mpa esprime il presidente della Regione Raffaele Lombardo e saprà far valere tutto il suo peso politico.

Soprattutto a palazzo San Domenico, alla luce delle indagini della Guardia di Finanza che stanno facendo chiarezza sulla gestione economica degli anni passati. Modica ? conclude l’avvocato ? ha bisogno si svegliarsi, di ripartire da zero, ed Mpa è pronta. Se la coalizione ci sta, va bene, altrimenti andremo avanti per conto nostro». Insomma, la questione delle candidature per la poltrona più alta di palazzo San Domenico non appare tanto semplice, e questa fuga in avanti del Pdl non è risultata particolarmente gradita.