Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:45 - Lettori online 689
MODICA - 13/05/2013
Politica - E’ candidata a sindaco per la lista "ConteAModica"

Marisa Giunta si presenta e pensa a donne e famiglie

"Immagino nel prossimo futuro una Modica più attenta alle donne e in generale alla famiglia. Una città che rispetti di più la figura materna" Foto Corrierediragusa.it

Marisa Giunta (nella foto) si presenta alla città e parla alle donne ed alle famiglie. La candidata a sindaco di «ConteAModica» alle prossime amministrative presenterà il suo programma e la sua squadra nel corso di una conferenza stampa ma lancia intanto un messaggio chiaro alla città: «Immagino nel prossimo futuro una Modica più attenta alle donne e in generale alla famiglia. Una città che rispetti di più la figura materna, dove vengano potenziati gli asili nido, ci siano più spazi verdi, si offrano più servizi come i parcheggi rosa per donne in dolce attesa e per neomamme e con i consultori familiari che diventino reali punti di riferimento".

Questa l´idea a cui lavora Marisa Giunta che ha ricordato, proprio in coincidenza della festa della Mamma per ricordare i sacrifici che ogni giorno le mamme compiono, spesso portando avanti famiglia e lavoro. Anche io sono una mamma, tra l’altro in una famiglia allargata, e so bene quanto sia difficile conciliare diversi impegni, ma è partendo proprio da questa considerazione che assieme alla mia squadra abbiamo immaginato un progetto che stia dalla parte delle donne e più in particolare delle mamme, rivedendo ad esempio il piano regolatore dei tempi, immaginando incentivazioni per la creazione di nursery sui posti di lavoro e di un micronido dedicato alle mamme che lavorano al Comune, prevedendo la creazione di isole pedonali e aree verdi dove ritrovarsi con i propri bambini anche solo per giocare e vivere in modo diverso la città. L’obiettivo deve essere insomma quello di migliorare la qualità della vita per tutti i cittadini.

Nella nostra società, oggi sempre più interessata da una trasformazione radicale, le donne rappresentano un ruolo importante che va valorizzato e a cui si deve guardare con maggiore attenzione. Alle donne-mamme del 2013 porgo i miei sinceri auguri, pronte a saper far squadra attorno ad un progetto che parte dalla condivisione comune. Auguri dunque alle mamme, anche alla mia, e alle nostre nonne, le grandi mamme che hanno avviato l’emancipazione delle donne».