Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 19:51 - Lettori online 932
MODICA - 13/04/2013
Politica - Il coordinamento cittadino del partito ha stilato anche il programma con 4 punti fondamentali

A Modica il Pdl lancia Giovanni Migliore

Il nome non è "blindato" , il Pdl disponibile al confronto con gli eventuali alleati Foto Corrierediragusa.it

Il Pdl c’è ed offre il suo candidato alla città per la poltrona di sindaco. E’ Giovanni Migliore, consigliere comunale di Idea di Centro, lista collegata al Pdl, che è stato proposto dal coordinamento cittadino del partito che si è riunito alla presenza di Nino Minardo e del coordinatore cittadino Michele d’Urso.

Il Pdl ha comunque messo subito in chiaro che il nome di Giovanni Migliore non è «blindato» visto che il partito è disponibile a confrontarsi e ad allearsi con quanti condividono alcuni punti ritenuti fondamentali. Dice Michele D’Urso: «Siamo convinti di portare avanti un progetto unitario e collaborativo delle migliori forze politiche della nostra città, in contrapposizione all’attuale amministrazione e alla tristezza mista allo sconforto che in questi anni sono stati gli unici elementi che hanno contraddistinto Modica. Siamo dunque disponibili a costruire un tavolo vigoroso che faccia sintesi attorno alle esigenze reali; se questo non sarà possibile noi non abbiamo complessi d’inferiorità, andremo avanti da soli con il nostro progetto a cui daremo le gambe per camminare con un’espressione che provenga o dall’interno del partito o che sia una risorsa esterna della società civile. Il nostro senso di responsabilità e apertura agli altri non dev’essere confuso, noi abbiamo idee e uomini da proporre alla La proposta si è dunque concretizzata in Giovanni Migliore, ritenuto «competente, capace e che conosce bene le problematiche della città e quindi dell’ente comunale».

Il partito ha già elencato alcuni punti cardine del programma ed offre anche alcuni percorsi per realizzarli. Sono quattro in particolare come la riduzione del 30 per cento della tassa sui rifiuti e del 20 per cento del canone idrico; il risanamento delle casse comunali, migliori ed efficienti servizi ai cittadini. Ultimo punto è il rilancio dell’economia che il Pdl vede aprendo la città ad investitori provenienti dal resto d’Italia ed anche dall’estero.