Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 806
MODICA - 29/03/2008
Politica - Modica - Tra i papabili Enzo Cavallo, Marisa Giunta e Paolo Nigro

Domani si decide sul nuovo sindaco di Modica

Sarà sempre di appartenenza Udc Foto Corrierediragusa.it

Non solo nazionali e regionali. L’Udc si prepara anche alle amministrative. Per domani è stato infatti convocato il direttivo del partito con all’ordine del giorno la indicazione del candidato a sindaco. Sarà il successore di Piero Torchi, candidato alle regionali, che ha lasciato palazzo S. Domenico dopo nove mesi dalla sua seconda elezione.

Peppe Drago vuole stringere i tempi e mettere in chiaro soprattutto che anche il nuovo sindaco è una questione Udc. Il segretario Gino Veneziano lo ha detto in tutte le salse ; i nove mesi di Torchi non possono far pensare ad un passaggio di mano da parte dell’Udc. Peppe Drago inoltre ritiene di avere gli uomini giusti per palazzo S. Domenico. La cerchia è al momento ristretta su tre nomi; il primo è quello di Enzo Cavallo (nella foto), oggi assessore allo sviluppo economico alla provincia. Agli occhi di Drago Cavallo ha l’esperienza amministrativa giusta, rappresenta tutte le anime dell’ Udc e garantisce il leader.

Altro nome spendibile da parte Udc è quello di Marisa Giunta, che ha il vantaggio di essere donna impegnata nel mondo del lavoro ed abbastanza navigata in politica avendo maturato esperienze nel suo ruolo di capogruppo a palazzo S. Domenico. Terzo nome ricorrente è quello dell’attuale assessore all’urbanistica Paolo Nigro, già presidente della Modica Multiservizi.

Nigro conosce da dentro la macchina amministrativa e burocratica ed è molto vicino a Drago con il quale ha lavorato a stretto contatto. Drago farà la prima mossa per le amministrative sperando così di trovarsi in vantaggio anche se nell’ambito del centro destra, ex casa delle libertà , c’è chi pensa che chi parte per primo rischia seriamente di bruciarsi.