Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 1034
MODICA - 22/12/2012
Politica - La consultazione si terranno domenica 30, la provincia esprimerà due nomi

Sindaco di Modica Buscema corre alle primarie Pd, ma deve trovare le firme entro oggi

Ragusa esprimera Gianni Battaglia e Giorgio Massari, a Vittoria Fabio Nicosia sfoglia ancora la margherita. Tra le donne certa solo la candidatura di Venerina Padua Foto Corrierediragusa.it

Antonello Buscema (nella foto) ha deciso; correrà per le primarie del Pd. Il sindaco di Modica, tuttavia, deve trovare entro stasera le 110 firme necessarie per presentare la sua candidatura alla competizione interna al partito. Secondo il regolamento approvato dalla commissione nazionale Pd le firme devono essere raccolte tra gli iscritti del 2011 in tre circoli diversi. Questo potrebbe rivelarsi un ostacolo difficile da superare a poche ore dalla scadenza dei termini della candidatura per il sindaco che solo ieri si è deciso a scendere in campo dopo avere ottenuto l’autorizzazione-deroga da parte della segreteria nazionale in quanto titolare di un mandato da sindaco.

Buscema ha dato mandato ai suoi fedelissimi di raccogliere le firme entro la scadenza di oggi e fino a mezzogiorno quelle raccolte sono una sessantina. La segreteria cittadina è mobilitata per presentare una candidatura che potrebbe essere vincente tra i cinque nomi che saranno inclusi nella lista che gli iscritti ed i simpatizzanti Pd voteranno domenica 30. Altro passaggio importante per il sindaco di Modica, è quello legato alla eventuali dimissioni. Se infatti saranno raccolte le firme sufficienti e Buscema potrà essere inserito dovrà anche essere verificato il termine entro il quale il sindaco dovrà dimettersi.

Se ciò dovesse essere necessario entro la fine del mese, anche se è improbabile, Buscema ha già annunciato che rinuncerà perché vuole portare a termine il piano di riequilibrio finanziario sul quale l’amministrazione ha scommesso e sul quale punta per evitare alla città il dissesto.

Per quanto riguarda le primarie Pd sono confermati i nomi di Gianni Battaglia e Giorgio Massari a Ragusa mentre è venuta meno la candidatura di Peppe Calabrese che punta invece alla poltrona di sindaco in primavera. A Vittoria Fabio Nicosia deciderà in dirittura d’arrivo mentre Ispica ha avanzato la candidatura Roccuzzo. Questi i cinque papabili nella lista degli uomini, mentre è ancora in alto mare quella femminile con l’unica certezza di Venerina Padua. La provincia di Ragusa, rispetto ad un primo calcolo, dovrebbe avere due candidature nel listino Pd anche se solo una delle due sarà in una buona posizione per l’elezione a parlamentare.

La consultazione in provincia
Sono sei, quattro uomini e due donne, i candidati alle primarie del Pd che si terranno domenica 30. Il Pd ibleo dovrà designare un solo candidato in rappresentanza della provincia. Saranno poi i dirigenti regionali e nazionali a decidere se il candidato ragusano sarà incluso nelle liste per la Camera o per il Senato per le prossime elezioni per il rinnovo del Parlamento a febbraio. A decidere i nomi sarà la direzione provinciale che si riunirà domenica nella sede della segreteria cittadina.

L’organismo dovrà scremare le candidature ed indicare i sei nomi agli organismi regionali; saranno anche decise le modalità organizzative ed i siti che ospiteranno i seggi. I nomi dei sei candidati sono praticamente definiti anche se manca all’appello il nome di una seconda donna. Favorito è innanzitutto Gianni Battaglia; insieme all’ex parlamentare il capogruppo a palazzo dell’Aquila Peppe Calabrese e l’ex sindaco Giorgio Massari. Il versante ipparino punta su Fabio Nicosia anche per il suo buon consenso alle ultime regionali. Tra le donne certa Venerina Padua, ex consigliere provinciale. Incertezza assoluta per la seconda donna ma potrebbe rientrare in ballo Anna Maria Sammito, già candidata alle regionali.


Chi l´ha visto?
22/12/2012 | 13.04.08
Giovanni2

Il tracollo del PD alle elezioni regionali non ha portato insegnamento.
Chi ricorda un atto, un´azione, un commento dell´On. Battaglia in quest´ultimi anni?
L´abbiamo visto solo nel consiglio direttivo del Consorzio Universitario e i risultati sono sotto gli occhi di tutti.


...W il rinnovamento!!!!
22/12/2012 | 11.54.10
peppino72

....alla faccia del rinnovamento!!!!!
Ancora con sto Gianni Battaglia....ma posso credere che dopo tanti tanti tanti anni ancora ci dobbiamo sorbire il faccione di Battaglia???
E´ il così tanto sbandierato rinnovamento?? E´ le facce nuove...ma dove sono?????