Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:45 - Lettori online 740
MODICA - 22/03/2008
Politica - Modica - Lo storico esponente dell’Udc ha cambiato sponda

Modica: ´Nzuliddu Pitino nel Pdl

"Sono Nino Minardo e Mommo Carpentieri i miei punti fissi" Foto Corrierediragusa.it

«Il mio nuovo punto di riferimento politico è Nino Minardo: scelgo lui alla Camera mentre per le Regionali è Mommo Carpentieri la scommessa vincente». Nel suo passaggio ufficiale al Pdl, Nzuliddu Pitino (nella foto) si è trovato i suoi due «padri putativi». Archiviata in via definitiva la lunghissima esperienza tra le fila dell’Udc, scontato epilogo degli ultimi mesi di tira e molla, Pitino ha trovato la sua nuova collocazione politica. Colui che ai bei tempi andati ha passato «nottate intere senza chiudere occhio per il buon esito delle campagne elettorale del partito del leader ibleo Giuseppe Drago» (sono parole sue) ha adesso cambiato sponda per spendersi in favore del giovane Minardo e di Carpentieri. Anche in politica non c’è età, quando si tratta di buttarsi su nuove esperienze. Chiusa un’era se ne apre quindi un’altra per Pitino.

E proprio i suoi due punti di riferimento hanno deciso di dare il buon esempio, togliendo i manifesti elettorali piazzati sui balconi che si affacciano lungo corso Umberto I, in occasione della Madonna Vasa-Vasa. «In rispetto della sentita manifestazione religiosa ? si legge nel comunicato ? tireremo via ogni manifesto, dimenticandoci della campagna elettorale per celebrare la Pasqua senza distrazioni di sorta». Minardo e Carpentieri auspicano che il loro buon esempio venga seguito anche dagli altri candidati. In effetti, tanto per cambiare, le squadre di attacchini hanno piazzato manifesti anche laddove sarebbe vietato , della serie «le vecchie abitudini sono dure a morire». Il centro sinistra, come già accaduto in passato, si è indignato. Occorrerebbe pertanto coprire quantomeno i manifesti affissi laddove non dovrebbero stare, per restituire al centro storico il decoro che gli appartiene. In assenza di un simile provvedimento, varrà ben poco togliere solo i manifesti attaccati sulle inferriate dei balconi.