Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 557
MODICA - 19/03/2008
Politica - Modica - Nuova prospettiva paventa disparità di trattamento

Gli scrutinatori sono sempre
i soliti: Cerruto protesta

Il consigliere comunale non indicherà nessun nome Foto Corrierediragusa.it

«Gli scrutinatori dei seggi per le elezioni 2008 saranno più o meno gli stessi delle altre tornate elettorali, perché scelti in base alla discrezionalità dei consiglieri». Lo dichiara Nino Cerruto (nella foto) di Una nuova prospettiva. Il consigliere, come forma di protesta avverso questo metodo che, a suo avviso, provoca palesi disparità di trattamento, non indicherà i cinque nomi che saranno invece rispettivamente scelti dagli altri suoi colleghi di scranno per individuare i 208 scrutatori necessari per coprire le sezioni comunali.

Cerruto ha avanzato la proposta di procedere ad un più democratico sorteggio «ufficioso» da un’urna che contenga i nomi di tutti i tremila 800 iscritti all’albo comunale degli scrutatori. La richiesta sarà inoltrata al competente ministero e agli stessi candidati, affinché si proceda alla modifica di una legge elettorale che penalizza quanti non fanno parte del noto «giro degli amici» che vengono regolarmente chiamati nei seggi per lo spoglio delle schede elettorali.

Emblematica la testimonianza di una giovane sfiduciata dal sistema, riferita dallo stesso Cerruto: «Accetterei di buon grado la mia esclusione se ciò avvenisse a causa del mero fato ? ha confidato la ragazza al consigliere ? ma non posso tollerare che ciò avvenga perché non ho le conoscenze giuste». Al momento, i nomi indicati dalla commissione elettorale formata dai consiglieri e dall’amministrazione, non possono assolutamente essere messi in discussione, in quanto la scelta dei medesimi viene effettuata in base al criterio della discrezionalità. Secondo Cerruto, però, non sarebbero attuati i dovuti controlli sul singolo, al fine di privilegiare quanti hanno effettivo bisogno di denaro rispetto a coloro che, magari, godono già di un buon reddito.