Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:29 - Lettori online 1295
MODICA - 18/03/2008
Politica - Modica - Il coordinatore cittadino punta su Giovanni Giurdanella

I giovani del Pd guardano
al centro: Buscema dice stop

Si profila una spaccatura interna più o meno profonda Foto Corrierediragusa.it

Ad Antonello Buscema (nella foto) non piace l’appello dei giovani del Pd per una apertura al centro. « Non se ne parla- dice il coordinatore cittadino- Siamo concentrati su Giovanni Giurdanella, che per il Pd rappresenta il nuovo, il rinnovamento. Puntiamo al secondo seggio con le due liste presentate e crediamo che possiamo raggiungere l’obiettivo.

Il gruppo dirigente del Pd è concentrato come non mai su queste elezioni regionali; la sezione di Modica sta facendo uno sforzo notevole anche perché Giurdanella è l’unico candidato del centro sinistra in città. Non vedo perché ci dovremmo fare confondere da altre attrazioni».

I giovani del Pd, da Paolo Borrometi a Tommaso Agosta, da Eugenio Arnaudo a Salvatore Baglieri, avevano già fatto sentire la loro voce , nel momento in cui alle scorse elezioni provinciali Paolo Borrometi non era stato sostenuto dal partito a vantaggio di altri. Il giovane Borrometi aveva anche paventato un ingresso nell’Udc o comunque un avvicinamento.

La stessa sirena ha cominciato a cantare proprio in occasione di questa campagna elettorale ed Eugenio Arnaudo, consigliere Cus all’università di Catania, ha parlato senza mezzi termini della necessità di superare vecchi steccati e di aggregare le forze moderate del centro.

Chiaro il riferimento all’Udc che corre in città con Piero Torchi ma ad Antonello Buscema la sortita dei giovani Pd è apparsa fuori luogo « Capisco l’amarezza di alcune scelte operate dal Pd a livello nazionale- dice Buscema, ma ritengo inopportuno in campagna elettorale fare queste valutazioni. C’è invece la necessità di stringersi attorno al nostro candidato.

Serve lealtà e senso di responsabilità; c’è poi la necessità di assicurare al Pd in città un brillante risultato elettorale per accreditarci come gruppo dirigente serio e compatto davanti ai nostri elettori. Niente giochetti dunque ed invece affermiamo i valori del Pd».

Per il futuro Buscema attende invece il risultato elettorale. « Altre valutazioni le faremo risultati alla mano. Il quadro politico può cambiare da qui a poco ed oggi è inutile fare previsioni».

Nel Pd non c’è dunque nessuna attrazione Drago- Torchi; il leader Udc aveva lanciato un messaggio in occasione della presentazione di Piero Torchi quale candidato all’Ars sperando di trovare attenzione nel Pd.

I più solleciti ad ascoltare sono stati i giovani anche perché guardano più in là ed all’appuntamento di giugno in particolare quando il centro sinistra dovrà proporre un nome per il sindaco. Il mutuo soccorso tra forze del centro, Pd ed Udc con magari il contributo di Mpa è una prospettiva fattibile e le prove generali saranno le elezioni nazionali e regionali quando ognuno potrà misurare forze ed uomini in campo.