Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 22 Maggio 2018 - Aggiornato alle 14:55
MODICA - 18/05/2012
Politica - Avviata la procedura dal presidente del consiglio Carmelo Scarso

Assenteismo consiglieri: pugno duro, Gerratana non ci sta

Il regolamento prevede la decadenza dalla carica dopo tre assenze non giustificate. Carmelo Scarso: "Il caso sarà discusso in consiglio comunale"
Foto CorrierediRagusa.it

Consiglieri assenteisti e Nino Gerratana si ribella. Il presidente del Consiglio, Carmelo Scarso, ha avviato la procedura per chiarire la posizione di alcuni consiglieri comunali che da qualche mese a questa parte sono presenti a singhiozzo alle sedute del consiglio comunale.

Il regolamento prevede che un consigliere che abbia accumulato almeno tre assenze consecutive e non abbia prodotto alcuna giustificazione può essere passibile di procedura di decadimento dalla carica. Il regolamento comunale prevede inoltre che il presidente del consiglio chieda agli interessati le pezze giustificative e sottoponga poi il fascicolo all’esame del consiglio comunale che è chiamato a pronunciarsi sulla legittimità o meno del procedimento di decadenza del consigliere interessato. Carmelo Scarso ha confermato l’avvio della procedura nei confronti di Nino Gerratana, indipendente, ma non vuole fornire ulteriori dettagli: «No comment – dice il presidente – Si tratta di dati sensibili che non ho alcuna intenzione di divulgare, se vogliono possono farlo gli interessati».

E’ quello che ha fatto Nino Gerratana che si è sentito nel mirino del presidente ed ha denunciato l’avvio del procedimento nei suoi confronti. Dice Gerratana: «Chiedo al presidente come mai nonostante assenze croniche in passato, mai nella storia di questo comune è stata applicata la decadenza ad alcun consigliere, anzi, al contrario, si è preferito salvare anche consiglieri comunali dell’attuale maggioranza la cui incompatibilità era evidente. Potrei chiedere al Presidente del Consiglio come mai ha deciso di inaugurare tale stagione come , tra i consiglieri più attivi nelle cinque legislature. Forse il problema sta nel non aver mai chinato la testa o nell’aver raccontato alla città la verità su alcune gravi inefficienze di questa amministrazione?»

Gerratana teme che dietro l’iniziativa di Scarso , Mpa, ci sia un fatto politico visto i cattivi rapporti che intercorrono tra l’ex assessore all’ecologia e Riccardo Minardo. A Gerratana è arrivata la solidarietà di alcuni consiglieri comunali; Bartolo Azzaro, Michele D’Urso, Luigi Carpenzano, Giovanni Migliore (Pdl) e di Maurizio Di Mauro e Giorgio Stracquadanio indipendenti. I consiglieri chiedono chiarimenti e di discutere in pubblico il caso Gerratana.

Per il presidente Scarso non ci sono problemi: «Direi che è un atto dovuto perché il consiglio comunale deve deliberare sulla decadenza o meno. Appena finito il procedimento l’argomento sarà posto all’ordine del giorno del primo consiglio comunale utile».