Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:40 - Lettori online 1288
MODICA - 14/02/2012
Politica - Ieri sera l’ufficializzazione in consiglio comunale, opposizioni dure con il sindaco

Buscema ter all´esordio in consiglio comunale. Presentati i nuovi assesssori

La new entry Tato Cavallino fa il pieno con una "Super" delega: Pubblica Istruzione, Manutenzioni, Protezione Civile, Sport e Personale
Foto CorrierediRagusa.it

Antonello Buscema (nella foto: il sindaco insieme a Riccardo Minardo) ha presentato la sua nuova giunta al consiglio comunale . E’ la terza dal suo insediamento e porterà sindaco, maggioranza ed amministrazione a fine legislatura, nel maggio del prossimo anno.

Critico il Pdl con il capogruppo Luigi Carpenzano che ha parlato di confusione totale e di una alleanza che fa acqua da tutte le parti. Giovanni Migliore( Idea di centro" vede nella giunta Buscema un0amministrazione che impone solo tasse ed ha criticato il sindaco che ha confermato l´assessore Santino Amoroso. Paolo Nigro (Territorio) ha chiesto agli assessori di essere presenti e non vede nella alleanza la soluzione dei mali che afffligono la citt. Anche da sinistra critico Vito D´Antona per un´alleanza "innaturale" con Mpa che ha prodotot danni soprattutot nella gestione del territorio.

Il sindaco ha poi confermato che non ci sono novità sostanziali per quanto riguarda gli uomini a parte quella assodata ormai di Enzo Scarso, Mpa, che ha fatto posto a Tato Cavallino. Nelle ultime ore il sindaco ha messo a punto l’assegnazione delle deleghe e le linee programmatiche e si è presentato puntuale alla seduta del consiglio per la comunicazione ufficiale. I servizi sociali, transitati dalla pluriennale gestione Mpa al Pd, sono stati affidati a Giovanni Giurdanella. L’assessore ha dunque lasciato l’Urbanistica, che ha retto fin dal suo insediamento, e si occuperà di un settore molto delicato e sul quale sono concentrate le attenzioni di maggioranza, opposizione e della pubblica opinione. Peppe Sammito raddoppia visto che insieme ai Lavori Pubblici assume anche Urbanistica, altro settore cui nel programma della coalizione Pd Mpa si annette molta importanza. Il vicesindaco Paolo Garofalo ha assunto le deleghe che sono state di Enzo Scarso con l’aggiunta delle Case popolari mentre la new entry Tato Cavallino ha avuto in dotazione una super delega; si occuperà infatti di Pubblica istruzione, Sport, già di Giovanni Spadaro, Manutenzioni, Protezione Civile e Personale. Non cambiano le deleghe per Annamaria Sammito, Santino Amoroso, Nino Frasca Caccia e Giovanni Spadaro.

Nel quadro dell’accordo con Mpa andranno ad esperti autonomisti le deleghe per le frazioni di Frigintini e Marina di Modica.
La coalizione Pd – Mpa ha colto l’occasione per darsi un progetto aggiornato delle cose da fare nei restanti 20 mesi che porteranno alle elezioni. Risanamento dell’ente, manutenzioni, viabilità, migliore organizzazione del personale e del settore dei servizi sociali.

Ha detto il sindaco: «Sono le criticità che sarà necessario affrontare nell’ultimo scorcio di questa legislatura, per garantire il rispetto degli impegni presi con gli elettori.

Nel ripercorrere il lavoro compiuto per far fronte ad un’emergenza finanziaria straordinaria, i partiti di maggioranza hanno riconfermato come primo obiettivo il risanamento dell’ente, in continuità con le scelte compiute di comune accordo nel corso di questi anni per riportare realmente il bilancio in condizioni di ordine e mettere realmente in sicurezza i conti pubblici. Vogliano tornare ad un ente «normale» per quanto riguarda l’erogazione dei servizi sia con particolare riferimento al settore delle Entrate. Dobbiamo anche profondere un particolare impegno per il miglioramento della macchina amministrativa, attraverso un recupero di efficienza e la trasformazione del Comune in una struttura «amica» dei cittadini».

La crisi aperta con le dimissioni dei tre assessori Mpa si chiude e l’unica vittima rimasta sul campo è stato l’ex vicesindaco Enzo Scarso che ha pagato per la sua presa di distanza dal leader Riccardo Minardo.

La crisi sembra essere stata «tagliata» su misura proprio per Scarso ed in particolare per consentire in modo più indlore possibile un suo accantonamento prendendo spunto dalla lontananza che Scarso ha cercato in questi ultimi mesi. Il sindaco ha preso atto delle decisioni di Mpa e non è entrato nel merito pur se Enzo Scarso ha garantito a tutta l’amministrazione visibilità nel corso dei tre anni in giunta.

Il Pd ha subito i mal di pancia di Mpa e si è limitato, insieme ad sindaco, ad irrigidirsi di fronte alle richieste di Mpa. Alla fine l’accordo è salvo ed , almeno sulla carta, dovrebbe durare fino alla fine.

Ecco l´elenco completo degli assessori e delle relative deleghe:

PAOLO GAROFALO, vicesindaco, con deleghe al Turismo, allo Spettacolo, alla Polizia Municipale e all’Edilizia popolare;

SANTINO AMOROSO, con deleghe al Bilancio, alle Partecipate, all’Autoparco;

TATO CAVALLINO, con deleghe alle Manutenzioni, alla Protezione Civile, al Personale, alla Pubblica Istruzione, allo Sport;

GIUSEPPE SAMMITO, con deleghe ai Lavori Pubblici e all’Urbanistica;

GIOVANNI GIURDANELLA, con delega ai Servizi sociali;

GIOVANNI SPADARO, con deleghe ai Servizi Ambientali, al Verde pubblico, ai Servizi cimiteriali, al Centro storico;

NINO FRASCA CACCIA, con deleghe allo Sviluppo economico e al Contenzioso;

ANNAMARIA SAMMITO, con deleghe alla Cultura, all’Unesco e ai Progetti Europei.

(nella fot: da sin. il vicesindaco Paolo Garofalo, il sindaco Antonello Buscema, l´on. Riccardo Minardo)